Una voce

“C’è una lingua in ogni foglia,

ha una voce ogni ruscello! –

una voce che parla dovunque,

nell’acqua e nel fuoco, in terra e tra i flutti –

una lingua che non ha riposo!

E questo è il Grande Spirito, diffuso dappertutto,

legato al nostro animo da cose misteriose

  • la Vita e poi la Morte, l’Eternità e il Tempo – :

lo Spirito che permea quello che vediamo.”

CAROLINE ANNE BOWLES

TRACCE:

Foto della Galleria Personale

Terso rio

“Ove ten vai così festoso

o terso rio?

Lieve e fuggevole balzi gioioso

giù dal pendio.

Che cerchi rapido là al basso? Ascolta:

e meco parla per una volta.”

Johann Wolfgang Goethe

“E di nuovo torno ad ascoltare

lo scorrere di quest’acque giù dalle loro sorgenti montane

con un dolce murmure d’interno. Una volta ancora

contemplo questi erti, eccelsi colli

che su una scena selvaggia ed appartata imprimono

sensi di più marcata solitudine, e fondono

il paesaggio alla pace del cielo.”

William Wordsworth

 

 

Fontaine de Vaucluse

“Se un antro, aprendosi in rocce profondamente corrose,

tiene quasi sospeso un monte – un antro non scavato da mani umane,

ma formato nella profondità dei suoi recessi da cause naturali -,

un senso di religiosa trepidazione colpirà il tuo animo.

Noi veneriamo le sorgenti dei fiumi: dove l’acqua erompe dal profondo,

s’innalzano altari; sono oggetto di culto le fonti di acque termali,

ed alcuni luoghi sono considerati sacri o per il loro colore cupo,

o per la smisurata profondità.” (SENECA)

 

“Chiare, fresche et dolci acque” è la canzone numero CXXVI (126) del Canzoniere di Francesco Petrarca

Fu scritta tra il 1340 e il 1341 e il poeta venne ispirato, molto probabilmente, dal fiume Sorgue che scorre nei pressi dell’attuale comune francese di Fontaine-de-Vaucluse (Fonte di Valchiusa) – Provenza – Francia.

TRACCE:

Video di YOUTUBE

Foto della Galleria Personale