Pane, ananas e gelato

“Quando vedo l’ananas….mi sento l’acquolina in bocca!!!

Giorni fa, ne ho comprato uno dolcissimo….maturo al punto giusto….

di un colore e profumo così stuzzicanti che…non riuscivo a trattenermi

dal portarlo alla bocca…

Ad un  certo punto…la cosa più saggia da fare…

…..era sicuramente, preparare la tavola e sedermi per pranzare!

(Di ritorno dalla spesa….alle due del pomeriggio….

accaldata e affamata….sola, soletta….e senza impegni….)

Ananas e pane!

Provare per credere!!!!

Un intero ananas….con un panino croccante, appena sfornato!!!

Mi sentivo così bene….ero così felice….

che mi sono regalata anche un buon gelato!!!!

17 responses to this post.

  1. Posted by sabby on 17 giugno 2011 at 13:06

    eccomi!!!!
    diciamo che oggi voglio scappare un po’ meno, non certo perché le cose vanno meglio, forse ci si abitua o forse come si dice…quello che non ti uccide ti fortifica!!!
    un bacio mia cara!!!

    Mi piace

    Rispondi

  2. Posted by sabby on 14 giugno 2011 at 18:23

    credevo di essere io quella dagli accoppiamenti strani…tu mi superi!!!!
    un abbraccio grande, quanto il mare che vedo qui, danti a me!!!

    Mi piace

    Rispondi

    • Allora…quando verrai in vacanza….che fantasiose scorpacciate faremmo io e te!!!!
      E se ti va…andremo anche a vedere….. il mare di Iesolo!! ….Ok???
      Cara Sabby, sono felice di trovarti nel mio “giardino”! Vieni quando vuoi…sopratutto quando….vorresti scappare!
      Ti abbraccio forte! Ciao!

      Mi piace

      Rispondi

  3. mmmhhhh!!!! Abbinamento inconsueto ma credo buonissimo. Adoro il pane e la frutta quindi, credo che proverò anche questo. Ultimamente sto sperimentando il pane fatto in casa e ci sto prendendo gusto. Con l’ananas? Devo provare qualcosa di speciale. Ti faccio sapere… Ciao :-)

    Mi piace

    Rispondi

    • Che bello risentirti Girasole!!!! Come va???
      Sono iniziate le vacanze….ora puoi pensare un po’ a te!
      Sai…anche i miei nipotini di 6 e 7 anni….hanno appena salutato le maestre e i compagni.
      Ieri pomeriggio ci siamo finalmente concesso il “dolce far niente”.
      Ci siamo sdraiati all’ombra d’un maestoso albero. I suoi rami sono così bassi che….
      dovevamo star sdraiati per forza!
      Cercavamo con fatica….tra le folte foglie….i raggi del sole.
      Davamo un nome alle nuvole. Ci siamo inventati un film che…presto gireremo.
      Abbiamo pensato di farci dei massaggi alla cioccolata. Ecc.
      Persino Artù…(il cagnolino cucciolo) …imitava i nostri gesti del “dolce far niente”!
      Ci vuole vero???
      Anche a te piace la frutta e il pane??? non ne avevo dubbi!!!
      Un bacio!

      Mi piace

      Rispondi

  4. Buongiorno Nives, il pensiero non mi
    suscita grande piacere.
    Ma proverò questo “matrimonio”, e se il mio
    palato apprezzerà, ti farò sapere.

    Buona settimana
    Con Affetto
    Gina

    Mi piace

    Rispondi

    • Non hai mai mangiato Pane e frutta???
      Pane appena sfornato con le pesche succose??? O le dolcissime pere??? Oppure con l’uva???
      Oh…. che sazietà! O….che gusto! O….che benessere!
      Altro che diete programmate….calcolate….all’ultima moda….di alta cucina….
      Provare per credere!!
      Ricordati però che la frutta…..deve contenere tutta l’energia e il colore del sole.
      E il pane….anche l’amore di chi l’ha pazientemente seminato, atteso, impastato, cotto, donato….
      Felice settimana a Te….Dolce Gina!

      Mi piace

      Rispondi

  5. “Ascoltare la voce del corpo…
    gustare di più la vita!”.
    L’anima deve fare unità con il corpo.
    Non solo intuizione. Molto interessante.
    Mens sana in corpore sano, una antica, profonda verità, un “unicum” che esalta la grandezza dell’essere umano.
    Grazie.

    Mi piace

    Rispondi

    • Ciao Carlo!
      Come sappiamo tutti…. l’essere umano…diventa pienamente se stesso, (ed è libero e felice)….quando riesce a mettere insieme e a far collaborare tra loro…..tutte le diverse realtà di sé stesso.
      Purtroppo…l’ambiente in cui vive oggi….lo costringe a dare poca considerazione alla voce del corpo.
      A volte…lo ignora proprio! Trovandosi più tardi, a fare i conti con lui.
      Se fosse veramente consapevole e saggio, imparerebbe a discernere ed essere prudente.
      Imparerebbe a “stoppare”. Dire ALT. Si chiederebbe dove sta andando, ecc
      Forse capirebbe di più i perchè delle sue tristezze, fragilità, scelte sbagliate. Anche affettive. L’amico corpo, in armonia con le altre istanze….forse lo aiuterebbe…
      a capire che le maschere, l’orgoglio, le vanità…..l’immagine costruita, la ricchezza, gli affetti impossibili, ecc….appesantiscono di zavorra….costringendoti a TRASCINARE la vita.

      Che ne dici???
      ciao! ciao!

      Mi piace

      Rispondi

      • Sacrosante, profonde verità. Il corpo “parla”, e come! Purtroppo non riusciamo o non vogliamo ascoltarlo, neanche quando grida forte… perchè forse prevale l’irrazionalità, spesso istintiva e anche molto… umana, di voler andare oltre, in una ricerca di scelte errate che sembrano, al momento, dare “soddisfazione” (edonismo, materialismo…). Soprattutto quando le cose vanno bene e proprio allora che ci vorrebbe un “mix” di sano realismo: entusiasmo e prudenza, in particolare se si è efficienti, giovani, pimpanti, “largo, gente, la vita è mia!”…

        Ciao!

        Mi piace

        Rispondi

        • Se non consideriamo la vita come un’occasione bellissima e unica, di CRESCITA e scoperta della nostra ESSENZA. Se non viviamo con coerenza e partecipazione, tutti gli stimoli che ci provengono da ogni “fase”, da ogni avvenimento, da ogni “chiamata”.
          Se per tutta la vita, ci sentiremo “pozzi aridi”, sempre in attesa d’esser riempiti e vivificati. Ci sentiremo fragili e bisognosi. Delusi e sfruttati.
          Se non cercheremo in noi la “sorgente” nostra, che fin dall’infanzia sgorga….per dissetare, guidare, sanare le turbolenze, le stagnazioni, le inquietudini, i sogni, i progetti.
          Se non permettiamo al corpo, di fare da…. “placenta”, da “arbitro”, da “ponte”.
          Se non gli diamo dignità e ruolo…lasciandolo in balia di se stesso….
          Non saremmo mai PRONTI ….per vivere in pienezza le nostre stagioni della vita.

          Anche il corpo, ha bisogno d’un lento e progressivo, processo evolutivo!
          Non dobbiamo ignorarlo, sfruttarlo o esaltarlo……
          Io ho imparato ad ascoltarlo…sicura che…docile mi ascolterà e…capirà!!!

          Un caro saluto!

          Mi piace

          Rispondi

      • Una interessantissima, positiva, costruttiva… “evoluzione” del nostro commentar: siam partiti da una semplice considerazione… gastronomica per arrivare a riflessioni di ben altro genere!
        Sì, anche per queste circostanze, magari marginali, “… un’occasione bellissina ed unica di crescita”.
        Come volevasi dimostrare.
        Grazie.

        Un saluto di cordialità.

        Mi piace

        Rispondi

  6. Il pane, come il latte…mi infondono una dolce sensazione di pienezza.
    Sono alimenti….ma anche simboli….che io ritengo BUONI, nel senso che “nutrono” in profondità.
    Quel giorno….m’è capitato di fare un’altra piacevole conoscenza e…mi sono lasciata andare.
    .
    Ultimamente…mi capita di fermarmi ad ascoltare di più, la voce del CORPO.
    Mi sembra la più umana, la più vicina, la più autentica…..
    la più generosa, la più umile.

    Quando decido di ascoltare la voce del corpo,
    metto a tacere tutte le altre componenti della mia personalità..

    Sento che Il corpo mi parla in Verità! Delle mille vibrazioni…
    Esso sa discernere, misurare, rifiutare, pazientare.

    Anche le ragioni del cuore passano attraverso il corpo.
    Pure l’anima deve confrontarsi e fare UNITA’ con lui!

    Ascoltare i bisogni e i “simboli” importanti per il corpo…
    mi permettono di GUSTARE di più…. la Vita!

    Ti ringrazio Carlo, della tua gradita visita! Ciao!

    Mi piace

    Rispondi

  7. Posted by silvia in fondo al cuore on 12 giugno 2011 at 18:24

    L’ananas è fantastico….con il pane non l’ho mai mangiato….proverò! Buona serata Nives un abbraccio!

    Mi piace

    Rispondi

  8. Ananas e pane, non conoscevo…
    “Mi sentivo così bene… ero così felice”.
    Il potere, l’effetto di quell’abbinamento?

    Un caro saluto.

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: