giugno

“Il cielo è tutto azzurro, non ha una nube.

Passa un leggero soffio nell’aria,

il campo di grano ondeggia come un mare.

Le spighe vanno cambiando colore, in questi giorni.

Il loro verde s’è già stinto, sfuma nel giallo;

al sole ardente, fra poco, il campo sembrerà tutto d’oro,

e, tra gli alti steli, si sperderà l’azzurro dei fiordalisi e il rosso dei papaveri.

Dai prati, già falciati, sale l’odore del fieno che va seccando, steso al sole.

A sera lo porteranno via, a seccare sull’aia.

Passerà il carro. Il figlio del contadino, il più piccino, starà seduto in alto,

sul cumulo delle erbe odorose e riderà,

con la faccina tinta del sugo delle more

strappate a una siepe.”

21 responses to this post.

  1. Carissima Nives, anche se con un po’ di ritardo, sono finalmente passata a casa tua! Che bel sito, complimenti! E le descirzioni che dai, anche di piccoli gesti quotidiani, sono davvero coinvolgenti!
    Tornerò a torvarti ancora, contaci!
    Silvana, la ‘casalinga rivoluzionaria’.

    Mi piace

    Rispondi

    • Ciao Silvana!
      Grazie della tua visita. Sono felice di accoglierti nel mio giardino!.
      Mi dispiace che non m’hai trovata ma…come avrai visto….
      tanti cari Amici sono di casa. Passano, s’incontrano, si riposano,
      annaffiano le mie amatissime rose gialle…si scambiano sogni ed ideali.
      Ed anche affetto sincero!

      Sei la Benvenuta, stimatissima Amica!!!

      Sono stata un po’ di giorni al mare, con figlia e nipotini.

      Mi piace

      Rispondi

  2. Grazie, Nives. Molto bello e coinvolgente quel tuo confidar al segreto diario al quale le anime gentili e delicate hanno sempre rivelato sentimenti, sensazioni, innocenti, nascosti pensieri…
    Siam diventati adulti e quei lontani piccoli cuori son rimasti sempre gli stessi.
    E càpita che essi si incontrino nel grande mondo di Internet…

    Anche se a volte si incontrano… i nuovi, moderni tilt.

    Un caro saluto a te e alle tue attente lettrici.

    Mi piace

    Rispondi

  3. L’ altra notte ho visto, dopo moltissimi anni, una lucina intensa, per terra, probabilmente sfinita: era una lucciola!
    Un tuffo al cuore: quando ragazzini rincorravamo nei prati, a tarda sera, le lucciole, tantissime… che si mettevano in un bicchiere capovolto sul comodino a fianco del letto e ci tenevano compagnìa con le loro luci fluorescenti.
    La mattina, regolarmente, esse non c’erano più e al loro posto due o tre monetine di pochissime lirette che, nottetempo, i genitori lasciavano facendoci credere che era le lucciole si erano trasformate in regalo.
    Avveniva nel mese di maggio-giugno.
    Poi tutto è scomparso… le lucciole e l’innocenza della Semplicità.
    Ciao, Nives.

    Mi piace

    Rispondi

    • Posted by solitamente on 16 giugno 2011 at 10:20

      Wow che bel ricordooooooooooo. Quanto vorrei quella Natura per la mia Ribelle …

      Mi piace

      Rispondi

    • Che sia davvero rimasto quel fantastico GIARDINO di innocenza e di candore nei cuori e menti di allora che ora, tutti noi, cresciutelli e ora pellegrini e viandanti ci ritroviamo strada facendo anche su questi blog che quei Giardini di Semplicità tanto assomigliano?

      Mi piace

      Rispondi

    • Ciao Carlo! Scusami tanto per la non risposta al tuo gentile intervento, ma ho avuto problemi al computer. Era in tilt…e lo è ancora….come quelli delle Poste Italiane! Speriamo bene!

      Un caro saluto.

      Mi piace

      Rispondi

    • Ah..le lucciole!!!! Sapessi quanto mi ricordano la campagna…di notte…senza la luna…!!!!

      Proprio dalla mia infanzia, provengono queste sensazioni, scritte sul mio segreto diario…che ora apro per te:
      “……Luna che apre il cuore ad improvvisar dolci
      sinfonie, assieme ai grilli, alle raganelle, ai cani innamorati.

      Luna piena e chiara sopra la campagna tenebrosa..che…
      come d’incanto…s’illumina d’argento.

      Luna che si nasconde e si fa cercar
      dalle timide lucciole….
      tra l’ombra di piante…
      stranamente estranee….
      ecc.ecc….”

      Buona Domenica Carlo!

      Mi piace

      Rispondi

  4. Ciao Nives, stupenda descrizione peccato che io sia riuscita a vedere questo tipo di natura. Questa e la procedente e quella a venire, non avranno quella fortuna di vedere i fiordaliso che già da anni non vedo, i carri, l’odore del fieno, erano bei tempi…………un bacione

    Mi piace

    Rispondi

    • Anche Tu…dolce Luisa…conservi nel cuore….la Pace e l’Armonia, donata da luoghi e vissuti lontani!??
      E’ vero quello che dici sui fiordalisi….sui carri…ecc!

      Nei campi di grano…ora…non si vede un fiore!
      Tutto è perfetto e…separato!

      Ma è vero Bene questo???

      Forse dobbiamo….”rientrar in noi stessi!!!”

      Ti auguro una serena notte!

      Mi piace

      Rispondi

  5. Quanti si riconoscono in quelle antiche emozioni e dolci sensazioni… che ora, pur cercandole in quegli stessi posti, dove c’erano tutte quelle persone, non si ritrovano più!
    Al paesello si incontrano gli amici di quei tempi e di quei luoghi… ma tutti son cambiati. Anche dentro? Spero proprio di no.

    Mi piace

    Rispondi

    • Poco tempo fa, ho incontrato un’amica d’infanzia…che non vedevo da allora!
      E’ lei che mi ha riconosciuta e chiamata da lontano.
      Per la verità…io non l’ho riconosciuta subito.
      Ma…i suoi occhi….il suo sorriso…la sua voce…
      .mi sono balzati nel cuore….

      come il profumo, i colori, la vita….del mese di giugno!!!

      Grazie Carlo!

      Mi piace

      Rispondi

  6. Posted by solitamente on 15 giugno 2011 at 09:53

    Nives … arrivo dal blog di Sabby e dopo aver letto il tuo commento lasciatole … non potevo non venire da te!… e trovo questo brano di un’estate meravigliosa!!!
    Sto leggendo un libro che in qualche modo collego a questo brano … se vorrai ti passerò il titolo e l’autrice. Buona giornata!

    Mi piace

    Rispondi

    • Ciao SOLIT! (E’ così che ti chiamano…vero???)
      Molto lieta di conoscerti! E benvenuta in questo mio “giardino”.
      (Per la verità…ora un po’ stravolto da…improvvisi nubifragi….non solo atmosferici)

      Mi proponi un libro sulla Natura??? Magari!!!
      In questo periodo…forse… è proprio quello che ci vuole!

      Grazie dell’Amicizia. Ciao!

      Mi piace

      Rispondi

      • Posted by solitamente on 16 giugno 2011 at 10:18

        Grazie a te per l’Amore che hai dentro e che manifesti a chi ti legge!! Non è da tutti credimi!!!!
        Per il libro … beh ti lascio il titolo “Un filo d’olio” così in rete trovi recensione e la quarta di copertina (si scrive così, vero!?!?)

        P.S. Si è capito che passerò da te più spesso, vero!??! :D :D

        Mi piace

        Rispondi

    • Ciao Solit! Ti ringrazio molto per tutto.
      Scusa il ritardo. Ho problemi col computer.
      Non riesco a trovare il tuo Blog, o un indirizzo di posta elettronica.
      Se ti fa piacere, indicami come fare.
      Felice giornata!

      Mi piace

      Rispondi

  7. Quel profumo è ancora dentro
    me. Mi porta lontano, assieme alle carezze della nonna
    vicina, alla sua gonna impigliata tra le spighe mature,
    al suo sguardo che mai sposta da me, al cielo, l’aria, e…i primi stupori.

    Grazie Nives
    Un abbraccio
    Gina

    Mi piace

    Rispondi

    • Mi sembra di vederti Gina! …..Ridere, giocare, raccogliere i papaveri, rincorrere le farfalle… aiutare la nonna…..soccorrere la sete del nonno con la fresca, croccante, rossa anguria.
      Ti vedo spensierata…..seguire con lo sguardo…. il volo degli uccelli, nell’alto infuocato cielo.
      Anch’io Gina…sento ancora il profumo di quelle radiose estati!

      Ti ringrazio di cuore per la condivisione!
      Buona notte!!

      Mi piace

      Rispondi

  8. Sono immagini vive, vissute nella mia primissima infanzia. Ogni anno ritornano….risvegliando nel cuore, tanta dolcezza.
    Il brano proviene da un vecchio “libro di lettura”….proprio di quei tempi!
    Che questo giorno ti sorrida, cara Silvia, come il sole ardente di giugno!
    Un bacio.

    Mi piace

    Rispondi

  9. Posted by silvia in fondo al cuore on 13 giugno 2011 at 19:12

    Che bell’immagine che hai descritto cara Nives…..sembra proprio di esserci, il bimbo della foto poi è stupendo! Buona serata, un abbraccio!

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: