sotto una grande lanterna sospesa

“Al molo, calzati i pattini, tutti si presero per mano incrociando le braccia, e la lunga catena umana si allontanò alla dolce luce del crepuscolo.

Il ritmico movimento sembrava fondersi insensibilmente con l’estasi notturna. La luna, simile a una grande lanterna sospesa alta nel cielo, proiettava sul ghiaccio argentei riflessi. A sud i tetti famigliari del villaggio scintillavano coperti di brina. A ovest le catene di montagne formavano un immenso ponte che sembrava condurre alla dimora degli dèi.

Ma, innanzi ai pattinatori il lago ghiacciato si stendeva a perdita d’occhio nella baia con il suo specchio cupo, liscio come il marmo e duro come l’agata.

Ansimante, Catherine fendeva lo spazio. Aveva più volte pattinato sugli stagni dei dintorni di Londra dove il disgelo è sempre da temere. Ma non aveva mai conosciuto una simile immensità, un’aria così pura, un ghiaccio come quello, vergine da ogni traccia e da ogni bruttura.

La gioia le inondò il cuore. Il breve scricchiolìo dei pattini era per lei come una musica.

(Archibald Joseph Cronin)

dolce luce

One response to this post.

  1. Posted by in fondo al cuore on 23 dicembre 2011 at 09:04

    Molto bello cara Nives, ti mando i miei più sinceri auguri di Buone feste, ti auguro tanata serenità con un forte abbraccio!

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: