Carlo Goldoni

Maschere

A Carlo Goldoni spetta il merito di aver portato la commedia italiana alla realtà della vita e di averle dato un contenuto umano. Le sue centocinquanta commedie, scritte in gran parte in dialetto veneziano, hanno come personaggi tipi studiati bonariamente dal vero, sotto le vesti delle celebri maschere del Teatro dell’Arte.

Inoltre, mentre in quel tempo le commedie venivano scritte in riassunto, lasciandone lo svolgimento all’abilità degli attori, egli ne fece la completa stesura.

La vita del Goldoni fu assai movimentata e difficile. Nato a Venezia il 26 febbraio 1707, sarebbe dovuto divenir medico, secondo il desiderio del padre, che poi l’avviò invece all’avvocatura. Ma il giovane Carlo, attratto fin da piccolo dal teatro, dopo essersi laureato alternò l’esercizio della professione con la stesura di commedie. Dopo alcuni tentativi poco felici, egli trovò il suo estro e iniziò la fortunata serie delle sue commedie, scrivendone persino sedici in meno di un anno e delle migliori, come la <Bottega del caffè> e il <Bugiardo>. Altre famose sono <Arlecchino servitore di due padroni>, <La locandiera>, <Sior Todaro Brontolon>, <Le baruffe chiozzotte>, <I quattro rusteghi>, ecc.

Amareggiato dagli invidiosi, lasciò Venezia, e, dopo aver peregrinato per mezza Italia seguendo le compagnie di comici, nel 1762 si recò a Parigi, dove scrisse in francese e fece rappresentare <Il ventaglio> e <Il burbero benefico>, fra le più famose. Ma anche a Parigi la sua vita non fu facile. La Rivoluzione lo privò della pensione regia di cui godeva, riducendolo in povertà, e quando la Convenzione Nazionale ne approvò la restituzione, era troppo tardi. Carlo Goldoni era morto il giorno prima (06-02-1793).

6 responses to this post.

  1. Posted by cavaliereerrante on 24 febbraio 2012 at 12:30

    @Goldoni … è un grande del Teatro ( e non solo … ) in assoluto !
    E credo che ancora non se ne sia compresa la modernità e l’ universalità .
    Ben hai fatto, @Nives, a riportarlo alla nostra attenzione : lui, è uno di quegli Autori che, o appresi a scuola, o letti in privato e gustati in teatro, non finiscono mai di stupirci e di rallegrarci con le loro opere !!! :-D
    Ed approfitto per ricordare qui altri due grandi che, nella loro vita di ‘capocomici teatranti’, contribuirono non poco a divulgarne la conoscenza e la passione : il grande comico-drammatico @Cesco Baseggio, e l’ altrettanto grande @Marcello Moretti, il miglior arlecchino dell’ era moderna !!!
    Un abbraccio a te, @Nives … ehmm … “alla locandiera” !!!
    @Bruno …

    "Mi piace"

    Rispondi

  2. Grazie di aver ricordato Goldoni. Io non conosco molto il Teatro, ma da Veneziano so della grande importanza di questo autore, ma ricordiamo anche Gozzi il “padre” di Turandot.
    Ciao a presto

    "Mi piace"

    Rispondi

  3. ho letto poco di Goldoni, più che altro sono ricordi di scuola

    "Mi piace"

    Rispondi

    • Nei ricordi di scuola, anch’io rivivo con allegria, le recite in dialetto delle MASCHERE,
      interpretate da noi alunni…rigorosamente vestiti da: Arlecchino, Brighella, Anselmo, Pantalone e Pulcinella, Rosaura e Colombina, Gianduia e Meneghino, Balanzone e Pieretta…
      Ricordo la mamma che cuciva stravaganti mantelli e capelli….ricordo le risate di noi bimbi!

      Un felice giorno
      Nives

      "Mi piace"

      Rispondi

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: