Rita da Cascia

Quand’ero ancora in grembo, mamma ha avuto un grande spavento, e temeva per me. Era molto giovane la mamma… aveva solo 17 anni, ed era devotissima alla Santa degli Impossibili. Genoveffa, la sorella maggiore, ha pregato tantissimo assieme a lei e, quando mi hanno avuto tra le braccia…mi accarezzavano chiamandomi….RITA! Mamma era gracile e magrissima, mentre io pesavo 4 kg, avevo tanti capelli neri e ricci, ed’ero sanissima e rosea come un fiore di pesco. Papà, che desiderava un maschio e non conosceva la devozione di mamma…..vedendomi, non ha saputo che sorridere, chiamandomi GINA LOLLOBRIGIDA….e più grandicella CIRO….forse a causa del mio intraprendente carattere, e delle speranze su di me.

rosa di santa Rita

Non ho mai preso in considerazione seriamente, la devozione di mamma a SANTA RITA, nonostante che,  la mattina del 22 maggio mi arrivi da parte sua, un mazzo di boccioli di rose, preferibilmente bianche e rosa pallido.

rose

Un tempo, arrivava a casa mia col CIAO  (scouter di mio fratello), ma da un po’ d’anni, il 22 di maggio, quel mazzo di rose sono sul tavolo della vecchia casa… che mi aspettano.

statua Santa Rita

Nel mese di luglio del 1996, in un giorno molto caldo e afoso, abbiamo visitato i luoghi dove RITA è vissuta, e i luoghi della fede e dei miracoli: il convento, la basilica che custodisce il Suo corpo a CASCIA…e poi ROCCAPORENA, dov’è nata e cresciuta. Quando siamo arrivati in questa “culla” tra i colli, era mezzogiorno, e nell’aria  c’era un silenzio come d’attesa. Il sole ardente sembrava fare un “decotto” delle erbe aromatiche, che rigogliose  crescevano spontanee in questo luogo di grande pace. Dopo il pranzo consumato al fresco di una pergola di una tipica locanda….abbiamo pensato di avventurarci in quella stradina in mezzo al bosco, che porta al famoso SCOGLIO…per cercare un po’ di refrigerio e aspettare che aprissero la CASA della Santa.

farfalle nere e bianche

In quel bosco, lungo la stradina, sentivamo solo il rumore dei nostri passi…eppure l’aria era colma di vita che aleggiava sui fiori, sulle foglie, sull’erba…. In quel silenzio magico e colmo di desiderio delle api, dei mosceri ma sopratutto delle farfalle nere e bianche che, in intere famiglie, si posavano delicatamente estasiate….camminevamo come incantati, e ci siamo trovati su, su…a toccare il cielo.

farfalle

Pensavamo a RITA, quando sola, percorreva questi luoghi col cuore colmo di apprensione e preghiera. Cercavamo di intuire i Suoi stati d’amino, nel sentirsi parte di tanta semplice bellezza…. di creatura creata.

farfalla

ROCCAPORENA sembrava un luogo magico….ma piano piano dentro di me, una sensazione dolce e preziosa, mi faceva percepire…d’essere capitata in un luogo santo ed eccelso, disposto ad accogliere la PRESENZA divina, alla quale…NIENTE E’ IMPOSSIBILE!

rose di Santa Rita

15 pensieri riguardo “Rita da Cascia

  1. E’ un post bellissimo!!!Sei riuscita a trasmettermi tanta emozioneAuguriiiiiiiiiiiiiiiiiiiii RITA!!!!! Che la santa di cui porti il nome ti conceda le grazie che più ti stanno a cuore e soprattutto la grazia di rimanere sempre salda nella fede e nell’amore verso Dio. Ti abbraccio forte.

    "Mi piace"

    1. Cara Lucetta, i Tuoi Auguri sono potente Preghiera d’amore-pace-fede. Sono grazia divina su di NOI! La Vita di SANTA RITA è Testimonianza sublime dell’AMORE DI GESU’ RISORTO, sempre Presente in mezzo a noi! Che muore per i cuori di pietra, per l’autodistruzione e per ogni oscurità dell’anima.
      GRAZIE, per l’amicizia sincera e il caro abbraccio!
      Rita/Nives

      "Mi piace"

    1. Cara Lucia, L’Umbria mi è rimasta nel cuore perchè, mai nessun LUOGO mi aveva trasmesso tanta intensità “palpabile”, di un’atmosfera dolce, colma di amore, pace e fiducia. Capace di vincere il potere e persino l’odio.
      Grazie degli Auguri amica mia, in questo giorno sono rose per me, che profumano la mia vita.
      Con affetto sincero
      Nives

      "Mi piace"

  2. Auguri Rita. Anch’io sono Rita e sono Rita per scelta di tutti i miei parenti che si rivolsero alla Santa dei casi impossibili non appena venni al mondo, purtroppo senza vagito. Quel vagito arrivò e sono stata Rita per sempre. E’ una santa eccezionale e a Cascia ci sono andata ogni anno fino a quando non sono diventata grande. Mio padre, ormai vecchio e stanco, continua a inviare offerte a questa Santa e non è mai stanco di ringraziarla per il grande dono che ha ricevuto. Mi fa piacere di averti incontrata … alla prossima!

    "Mi piace"

    1. Auguri a Te Rita! Sono felice di conoscere una Persona fortunata come me, che ha avuto il privilegio d’esser stata toccata dalla grazia divina, grazie alla fede e alle preghiere dei propri cari!
      Io sono stata a Cascia ormai adulta, forse per questo ero lontana dal capire che su di me, QUALCUNO vegliava e veglierà per sempre.
      Carissima, che la Tua vita sia sempre impregnata del profumo dell’amore di Santa Rita. Ti abbraccio!
      Rita/Nives

      "Mi piace"

  3. Buon onomastico ,non sapevo ti chiamassi Rita ,pensavo Nives,Sono stata un pò di anni fa a Cascia ,ho visitato la basilica dove si trova S.Rita ,sono rimasta stupita di tanta bellezza ,allora non sapevo la storia della santa ,vedevo molta gente con una rosa rossa in mano e non capivo il perchè poi mi è stata raccontata la storia di questa donna chiamata la santa delle cose impossibili.Ciao amica mia stasera dirò una preghiera per te e chiederò a S.Rita l’impossibile , chissà mai !

    "Mi piace"

    1. Tesoro, grazie di cuore! E’ molto bello risentirTi….spero che stai bene!
      Sì Mariella, il mio nome è Rita ma…. non sono bella come Lei!
      Sai, dall’esperienza vissuta in quel bosco di Roccaporena, ho capito che …amore-pace-fede…..sono desideri del cuore che trattengono davvero, tra noi, COLUI che ci ama fino a morire e risorgere!
      A presto cara amica!
      Rita/Nives

      "Mi piace"

  4. Mi associo agli auguri! Storia potente quella di Santa Rita, di “segni” particolari, a partire da quelle api che intorno ad una Rita in culla le si fanno intorno solo per posarle tra le labbra un po’ di miele…
    A presto, Es.

    "Mi piace"

    1. Il particolare delle api mi è sconosciuto. Conosco quello delle rose d’inverno e quello di una pianta secca tornata verde e rigogliosa. Ma secondo me, il prodigio della Sua vita, è l’amore e la pace che ha saputo seminare nei cuori, nelle famiglie, nella sua città.
      Ciao Ester e grazie degli auguri!
      Nives

      "Mi piace"

I commenti sono chiusi.