Natale di Roma

Natale di Roma

In un lontano giorno di primavera, 27 secoli fa, due giovani fratelli, Romolo e Remo, tracciarono un solco con l’aratro sulla sinistra del Tevere e segnarono il posto dove volevano fondare una città.

Era il 21 Aprile e la città che sorse in quel solco fu ROMA.

Solco della nuova Città

Roma diventò grande e potente, conquistò tutti i paesi intorno al Mediterraneo e fu la capitale di un vasto impero, a cui diede le sue leggi e la sua civiltà.

Dopo la caduta dell’Impero Romano, Roma diventò la sede del Papato e fu il centro del mondo cristiano e cattolico.

Ora ROMA è la capitale d’ITALIA.

Roma_Romolo_753aC_png

“Te redimito  di fior purpurei

april te vide su ‘l colle emergere

dal solco di Romolo torva

riguardante su i selvaggi piani:

Te dopo tanta forza di secoli

aprile irraggia, sublime, massima,

e il sole e l’Italia saluta

te, Flora di nostra gente, o ROMA. 

(G. CARDUCCI)

 lupa

redimitoinghirlandato

torva riguardante: che guardavi minacciosa

selvaggi piani: la campagna incolta

forza di secoli: dopo tanti secoli densi di avvenimenti e di storia, aprile illumina la più grande, la più illustre fra le città.

Flora di nostra gente: Flora è la dea della primavera e Roma è l’eterna primavera della gente italica.

Flora

10 pensieri riguardo “Natale di Roma

    1. Caro Quarc…è molto vero e triste quanto affermi. Purtroppo stiamo assistendo e subendo ancor oggi, azioni e scelte… che disonorano il genere umano.
      Ma come Gustave Flaubert, anch’io credo che:
      “Non sono le perle che fanno la collana, ma il filo.”

      Ti lascio un’augurio di buona serata.

      Nives

      "Mi piace"

I commenti sono chiusi.