Archive for agosto 2014

Come un Giardino

 

 

“Un proverbio tunisino afferma che la differenza

tra il deserto e il giardino

non è nell’acqua,

ma nell’uomo.”

“Come un giardino la nostra vita

ha bisogno di cura e attenzione,

di piccoli gesti che portino bellezza e disciplina,

ha bisogno di promesse e semi di tenerezza.”

(Luigi Verdi)

Crocevia dei cuori

LA CASA

“Nell’ambiente che avverto come il mio ambiente naturale, nella situazione che mi è toccata in sorte,

in quello che mi capita giorno dopo giorno, in quello che la vita quotidiana mi richiede: proprio in questo risiede

il mio compito essenziale, lì si trova il compimento dell’esistenza messo alla mia portata.   (….)

E’ qui, nel luogo preciso in cui ci troviamo, che si tratta di far risplendere la luce della vita divina nascosta.”  (Martin Buber)

IO AMO

“Ecco perché la casa è il luogo della vita “vera”. E’ il luogo del disordine o dell’ordine maniacale, il luogo dove si mettono nudi i nostri bisogni: lì arrivano i giorni delle lacrime e tornano i figli prodighi, lì si racchiudono l’ansia e il desiderio delle nostre speranze.

La nostra banale e monotona vita quotidiana, tormentata dalle preoccupazioni e inaridita dalla percezione dei nostri limiti, è alla continua e strenua ricerca di senso: eppure nel piccolo cerchio di mura della nostra casa, nei mille frammenti delle nostre giornate, nel groviglio delle nostre relazioni, è lì che si nasconde il senso della nostra esistenza.

E’ proprio nelle ombre dei nostri battuti sentieri che ci sorprende la luce, nelle lotte e nelle fatiche di ogni giorno, ma anche nelle sue speranze e nei suoi sogni. Nel cuore della vita di tutti i giorni, proprio là possiamo intuire una presenza di luce, e là ci sentiamo mendicanti.

paure infantili

Ciò che cerchiamo non è distante come un paradiso vago e lontano, ma ci è accanto, abita in noi, è parte del nostro quotidiano: basta solo un po’ di attenzione, un po’ di passione, quel minimo di capacità di ascolto che raggiunge le fecondità di un gesto, di un dono, di un piccolo amore. A volte la verità delle cose essenziali ci è tanto vicina da diventare per noi quasi invisibile, e ci sfugge.

Un tempo Rilke scrisse: “Se la tua giornata ti sembra povera, non la accusare; accusa te stesso, che non sei abbastanza poeta da evocarne le ricchezze”, come dire che siamo noi a rendere povero e meschino un tempo o un luogo se siamo senza fantasia, senza sussulti, senza capacità di lasciarci sorprendere dall’infinito. (Luigi Verdi)

casa

halak (camminare/andare)

“Vado con faticosa leggerezza,

con paziente agilità,

con calcolata ispirazione,

porto la terra lontano

ed essa mi porta vicino a me

ed è lì che abbraccio la mia vita

è lì che darò un bacio ad ogni mia ferita.”

“….camminare, andare….come viandanti innamorati…

convinti che l’amore basta all’amore….”

(Luigi Verdi)

Mendicanti di luce

“Ogni uomo nella sua notte

se ne va verso la luce”

(Victor Hugo)

il cieco nato

“Gesù, avvicinati a noi,

troverai parole contorte e macerie;

so che ne avrai di nuovo cura

e le spazzerai via con amore.

Amiamo sempre troppo poco e troppo tardi

e anche se i frutti dei nostri sforzi sono dolci,

senza amore non riescono nemmeno a saziare.

L’amore rende la vita attenta

ad ogni suono o profumo

alle voci e ai volti.

L’amore salva i frammenti di vita

l’amore scava pietre per costruire case

e nutre arcobaleni che aprono cammini di luce.

Luigi Verdi

Kandisky

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: