L’Anno Nuovo

Notte di San Silvestro

Appena fu sera, e in città si accesero i primi lumi, la mamma disse a Felicino: – Va a letto, figliuolo. A mezzanotte mamma ti sveglierà. Starai a tavola con noi. Verranno i nonni, verranno gli zii. A mezzanotte in punto s’incontreranno il vecchio e il bambino, e si diranno addio.

800px-PostcardHappyNewYearOldManKidScytheHourglass1910

Il vecchio è l’anno che se ne va, carico di tristezza e acciacchi; il bambino è l’anno che sorge, tutto sorrisi e speranze. Noi saluteremo il bimbo con battimani ed evviva, perché ci porti il bene, perché ci faccia contenti…Su, su, piccolino, va a letto…

anno nuovo

– No, mamma, io aspetterò.

– Aspetterai fino a mezzanotte?

– Fino a mezzanotte, sì. Vedrai che non mi addormenterò.

anno nuovo

Ma alle venti il sonno lo prese di colpo, e la mamma dovette metterlo a letto, sotto le coperte, perché non avesse freddo.

antica-cartolina-di-natale

Più tardi cominciarono a giungere i  parenti: i nonni, gli zii, due vecchie cugine della mamma, un amico del babbo, un amico povero che non aveva famiglia e soleva andare in quella casa due o tre volte l’anno a solennizzarvi le feste.

festa in famiglia

Tutti domandarono, appena entrati:

– E Felicino?

– Felicino è a letto – rispondeva la mamma. – Si è addormentato all’improvviso, mentre giocava. Ma a mezzanotte lo sveglieremo.

festa

Poi si parlava d’altro. E allora chi disse che per le strade c’era una gran animazione; chi assicurò che dai pasticceri non si trovava più una pasta a pagarla a peso d’oro; chi si augurò che l’anno nuovo portasse lavoro e consolazione, dopo tante angustie e sofferenze.

bambini-cantano-buon-anno

In breve, la stanza ove tutti erano riuniti si riscaldò, si animò, diventò scintillante di luce, scoppiettante di brio, festosa.

auguri di tanta speranza

Il padre e la madre di Felicino si dettero a preparare la tavola per la cena. Ecco tutta distesa una bella tovaglia candida, i tovaglioli piegati in quattro, i tondini coi bicchieri trasparenti. Poi collocarono davanti al nonno, perché a tempo opportuno la tagliasse e dividesse, una grande cassata color pisello, con tanti frutti canditi al centro e un ricamo di listarelle di cedro e confettini torno torno.

buon anno 4

– E  le bottiglie? – domandò il nonno. – Pronte, pronte…E ne portarono due, quattro, sei, sulla tavola apparecchiata. Erano delle bottiglie nere, col collo dorato, col sughero coperto da un cappuccio rosso.

Che ora è? – domandò la nonna con impazienza. – Mezzanotte meno un quarto…- No, meno dodici…

orologio di capodanno

– O perché non svegliare Felicino? – Vuoi sapere la verità mamma? E’ meglio che dorma – disse la padrona di casa, come presa da una improvvisa determinazione. – Così non piglierà freddo e non mangerà dolci. I dolci sono un veleno, per quel bambino. La nonna non pronunziò parola, ma si vedeva dal viso che la decisione della figlia l’aveva un po’contrariata.

buon anno

Giù nella strada, intanto, c’era movimento. Un vocìo , un parlottìo, un chiamarsi, un rispondere. Si aprivano le porte, le finestre, i balconi.

auguri

O per questo insolito rumore, o perché il sonno era già svanito, Felicino si svegliò. Vide attraverso i vetri, dal letto, i primi fuochi di gioia; una luce vivida, abbagliante: gialla, verde, rossa.

luci di capodanno

Allora comprese, saltò giù dal letto, si avvolse ben bene nella sua copertina, i piedini nudi, i capelli arruffati, e irruppe nella stanza da pranzo.

inverno

Lo accolsero i primi scoppi dello spumante, secchi come colpi di fucile. – Felicino! Felicino!  gridarono tutti, a quell’apparizione. – Non sono Felicino. Sono l’anno nuovo, io! – Evviva l’anno nuovo! Evviva!

auguri

E accorsero tutti incontro al bambino, lo circondarono, lo sollevarono da terra, lo avvolsero meglio nella copertina, se lo passarono di braccia in braccia, baciandolo e solleticandolo.

auguri di buon anno

Più felice fu la nonna, che lo ebbe in ultimo, e se lo tenne in grembo bene accoccolato, mentre tutti brindavano coi bicchieri in alto, e dalla strada venivano gli scoppi e i riverberi dei fuochi d’artificio, il chiasso della gente in allegria…”

(Michele Mastropaolo)

cartolina buon anno francese 010

AUGURI DI BUON ANNO 2015!

14 pensieri riguardo “L’Anno Nuovo

    1. E’ vero cara Annalisa, concordo con Te! Solo i bambini sono semplicità, freschezza….speranza e futuro!
      Tantissimi Auguri per tante cose belle, anche a Te e Famiglia!
      Un abbraccio
      Nives

      "Mi piace"

    1. Il Tuo “piccolo Pensiero”…è per me un grandissimo DONO D’AMICIZIA E FIDUCIA!
      Ne sono onorata!…. Grazie di cuore dolce PIF!

      (SI’…SI’…Seminiamo insieme l’amore…!!!
      La Speranza nei Suoi Frutti… sono le nostre Fondamenta e il nostro Coraggio!)

      Ti voglio Bene

      NIves

      "Mi piace"

    1. GRAZIE CARA LIBERA!…SEI TROPPO BUONA!…(non so se i nipotini sono proprio d’accordo con Te!…mi sa che glielo chiederò!)

      TANTISSIMI AUGURI DI BUON ANNO…anche a Te e Famiglia!
      (Dai…rischiamo sempre il coraggio… ne vale la pena:….”è fantastica la vita!”)

      Nives

      "Mi piace"

I commenti sono chiusi.