10 FEBBRAIO – Giorno del Ricordo

FOIBE

ESODO E CENTRO RACCOLTA PROFUGHI

LAGHER

Domenica 14 Febbraio 2016

assieme ad altre duecento persone,

sotto una pioggia scrosciante che sembrava benedire e lenire,

ho visitato LUOGHI della nostra recente STORIA ITALIANA.

LUOGHI DIMENTICATI

che urlano

alla coscienza di ogni cuore che si considera “umano”.

——-

purezza d'animo

12 responses to this post.

  1. Cara Nives,
    Da un paio d’anni mi sto documentando su tutto quanto avvenne da quelle parti. Dato che esistevo già, mi sono chiesto: “Perché non ci dissero nulla?”
    Buon pomeriggio.
    Quarc

    Liked by 1 persona

    Rispondi

    • “Perché non ci dissero nulla?”
      Quand’ero bambina, le mie due nonne raccontavano di famiglie provenienti dall’Istria, che cercavano momentaneo rifugio.
      Raccontavano di averle ospitate per un breve periodo, condividendo la loro paura, i loro disagi e quel poco che avevano.
      La nonna materna aveva da poco riabbracciato tre figli dispersi in guerra, (Due in mare e Uno in Jugoslavia), tornati ammalati ma vivi!
      La nonna paterna godeva di due figli reduci dalla Prigionia in Germania. Tornati stravolti e muti ma…vivi!
      Le mie nonne erano “comari” vicine di casa. Erano molto povere ma sono state donne forti e di grande coraggio. Non sapevano nulla di quanto hanno patito i loro figli devastati, che non parlavano più…e li hanno “svezzati” nuovamente, ridonando loro l’amore per la vita.
      Forse, a noi figli di quei figli, è stato riservato l’oblìo….la rimozione di eventi non degni… di quell’essere vivente chiamato “uomo”!
      Gli storici invece ci dicono che il totale “silenzio”…era scritto nel cuore dei sopravvissuti…che temevano le leggi razziali e politiche.
      Buon pomeriggio pure a te, Quarc!

      Liked by 1 persona

      Rispondi

      • Io son cresciuto a Genova. Dopo il 25 aprile erano tutti contenti… e basta. Si temeva solo l’ascesa del comunismo.
        Solo negli ultimi anni s’è cominciato a parlare di quanto accadde da quelle parti e delle cattiverie del fascismo in Istria, Slovenia e Croazia.
        Buona giornata.
        Quarc

        Mi piace

        Rispondi

  2. Cara Nives, mi spiace dirlo ma non credo la storia e gli orrori abbiano migliorato l’uomo, anzi ma ognuno di noi, nel nostro piccolo, può tenere nel cuore il ricordo, lo strazio… Un abbraccio dolcissima <3

    Liked by 2 people

    Rispondi

    • Hai ragione Libera, concordo con te!
      Sai, domenica…camminando sulle probabili “orme” di mio padre: soldato non collaborazionista di una caserma di Pola, mi sono interrogata sul suo silenzio, sulle sue mute lacrime notturne, sul perché desiderava visitare la città di Trieste senza mai parlarci della Risiera Di San Sabba…..
      Forse mio padre era stato li dentro, forse portava nel cuore i segni di tanto orrore…
      Io sono la prima figlia, nata dopo il suo “ritorno” dai Campi di Concentramento in Germania. A volte sento il cuore tremare…come (diceva) … tremava il suo!
      Paura, coraggio, scelte di vita e di libertà…
      Orribili e coraggiosi vissuti della storia umana, che tragicamente sembrano ripetersi…sulla faccia di questa nostra amata Terra… dove un giorno il Bene trionferà!

      Ricambio il dolce abbraccio, ciao Libera!

      Nives

      Liked by 2 people

      Rispondi

      • Quanta sofferenza, immagina cosa hanno sopportato e, come recita Neruda: “Dura è la mia lotta e torno con gli occhi stanchi, a volte, d’aver visto la terra che non cambia…

        Liked by 1 persona

        Rispondi

        • Quanto struggimento in questo sentimento di Neruda! Bellissimo!
          Grazie Libera!
          Tutti noi che camminavamo su quei LUOGHI SACRI…sentivamo il cuore “spaccarsi”…pensando alle atroci sofferenze di coloro che credevano semplicemente alle più naturali regole umane e civili….che a tutt’oggi…purtroppo…
          Sembra l’eterno “copione” dei fratelli Caino e Abele!
          Ma il male non avrà l’ultima parola, finché sulla Terra vengono salvati e curati i “semi” di bene.
          Un saluto affettuoso
          Nives

          Liked by 1 persona

          Rispondi

  3. Posted by Rebecca Antolini on 16 febbraio 2016 at 13:37

    mai dimenticare gli errori compito dal uomo..

    Liked by 1 persona

    Rispondi

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: