Il sabato del villaggio

 

“La donzelletta vien dalla campagna,

in sul calar del sole,

col suo fascio dell’erba; e reca in mano

un mazzolin di rose e di viole,

onde, siccome suole,

ornare ella si appresta

dimani, al dì di festa, il petto e il crine.

Siede con le vicine

su la scala a filar la vecchierella,

incontro là dove si perde il giorno;

e novellando vien del suo buon tempo,

quando al dì della festa ella si ornava,

ed ancor sana e snella

solea danzar la sera intra di quel

che’ebbe compagni dell’età più bella.

Già tutta l’aria imbruna,

torna azzurro il il sereno, e tornan l’ombre

giù da colli e da’ tetti,

al biancheggiar della recente luna.

Or la squilla dà segno

della festa che viene;

ed a quel suon diresti

che il cor si riconforta.

I fanciulli gridando

su la piazzuola in frotta,

e qua e là saltando,

fanno lieto romore:

e intanto riede alla sua parca mensa,

fischiando, il zappatore,

e seco pensa al dì del suo riposo.”

(GIACOMO LEOPARDI)

albero di mele quadro 1

Cari Amici, buon sabato dalla vostra Nives!

 

 

 

 

5 pensieri riguardo “Il sabato del villaggio

  1. Quanti ricordi legati a questo primissimo e forse precoce incontro con il Leopardi ( dico precoce perché all’età della scuola primaria è davvero impossibile comprenderne la poetica ), grazie carissima Nives per averlo ricordato in questo sabato di primavera, ricco di viole, ma non ancora di rose !!!

    Ti abbraccio augurandoti un sereno fine settimana di primavera,
    con affetto e stima

    Dany

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.