Il profumo dei fiori

“Il dolore col suo piccone mina il cuore, ma è un artista sapiente. Approfondisce i canali per i quali possa entrare la felicità e scava nuovi loculi per nascondervi la gioia, dopo che egli se ne è andato.” (Leonardo da Vinci).

“Tremo di piacere quando penso che proprio il giorno della mia scarcerazione l’acacia e il lillà saranno fioriti nei giardini, e vedrò il vento agitare in cangiante bellezza l’ondeggiante oro dell’una e elevare la pallida porpora dei pennacchi dell’altro, così che tutta l’aria intorno sarà impregnata per me dei profumi d’Arabia.

Linneo cadde in ginocchio e pianse di gioia quando vide la prima volta la grande brughiera di qualche altipiano inglese tingersi di giallo per i fulvi fiori aromatici della comune ginestra; e io so che per me, per cui i fiori son parte della passione, lacrime sono in attesa tra i fiori di qualche rosa.

…Provo un singolare desiderio per le cose grandi, semplici e primordiali, come il mare, che per me è una madre, al pari della Terra.

Mi pare che noi tutti guardiamo troppo la natura e viviamo troppo poco con essa. Vedo una gran salute nell’atteggiamento dei Greci. Essi non ciarlavano mai di tramonti né discutevano se le ombre sull’erba fossero effettivamente viola. Ma intesero che il mare era per chi nuota e la sabbia per i piedi di chi corre. Amavano gli alberi per l’ombre che spandevano e la foresta per il suo silenzio meridiano.

…La realtà d’una cosa dipende dal modo in cui la si guarda. “Là dove gli altri, dice Blake, “vedono solo l’alba sorgere sulla collina, io vedo i figli di Dio che gridano gioia”. (Oscar Wilde)

TRACCE:

Foto scelte dalla Galleria Personale

Brani scelti principalmente da “IL SEME” di Giovanni Pastorino

7 pensieri riguardo “Il profumo dei fiori

  1. Cara Nives, proprio in questi giorni in cui siamo pregati di stare in casa, sentiamo più che mai di volere il contatto con la natura… io personalmente apprezzo tantissimo il canto degli uccellini sono l’unici che parlano in questi giorni a voce alta… Chiudo gli occhi e mi posso immaginare qualsiasi posto che mi piace sono gli uccellini che sanno per ora realizzare questo sogno..

    abbi una buona domenica e stammi bene Bussi Pif♥

    "Mi piace"

    1. E’ vero Rebecca, gli uccellini ci invitano ad uscire, a vivere il risveglio della natura e della vita. Non capiscono perché non collaboriamo…loro non conoscono il virus che uccide gli uomini…loro non sanno…
      Nemmeno i fiori, gli alberi, il cielo, il vento sa…
      Ci stanno aspettando…e poi tutto sarà più vero, profumato e bello!
      Serena domenica, carissima!
      Nives

      Piace a 1 persona

        1. E’ vero Rebecca, avevo dimenticato il virus dell’Aviaria. Pure quel virus è stato molto contagioso.
          Forse gli uccelli ora sono più forti, speriamo sia così anche per noi umani!
          Buona notte, cara!

          Piace a 1 persona

I commenti sono chiusi.