Tu che sai cantare, canta.

UCCELLETTO (Arturo Graf)

“In cima a una antica pianta,

nel roseo ciel del mattino,

un uccelletto piccino

(oh, come piccino!) canta.

Canta? non canta; cinguetta.

Povera, piccola gola,

ha in tutto una nota sola,

e quella ancora imperfetta.

Perché cinguetta? che cosa

lo fa parer si giulivo?

s’allegra d’esser vivo

in quella luce di rosa.

Anima mia, nella santa

luce ecco ride ogni vista:

perché se’ tu così trista?

Tu che sai cantare, canta.”

AL CANERINO DI RIMPETTO (Francesco Gaeta)

“O canerino

…..che in gola hai primavera

sul balconcino

…..issato fino a sera,

al soleggiato

…..vicolo parli tu

di ciò che non è più.

…..Un lembo in cuore

di paradiso metti

…..su, al muratore

piccolo in mezzo ai tetti;

…..giù – se febbraio

suoi cieli azzurri aprì –

…..a l’ottonaio

che invoca il mezzodì.

…..E mezzogiorno

sul balconcino arriva;

…..d’oro, a te intorno,

piante e alberelli avviva:

…..guizzante raggio

tra i fini ferri, tu

…..trilli il messaggio

d’eterna gioventù.

…..Io la dimora

lascio per sempre: addio!

…..Grazie per l’ora

di tenerezza e oblio.

…..Grazie, tra quanto

dagli occhi trapassò,

…..pur del rimpianto

con cui ti penserò.”

———–

 

Tracce:

Poesie dell’antologia LA PRORA – (Volume primo- anno 1961)

Video di You Tube

 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...