Convocazione del Padre

GIOBBE,19/23,29 – IL RENDENTORE VIVENTE –

“Ah, se si scrivessero le mie parole,

se si fissassero in un libro;

con stilo di ferro e di piombo

fossero scolpite per sempre sul sasso!

Io so che il mio Vendicatore è vivo

e che, ultimo, si ergerà sulla polvere!

Dopo che questa mia pelle sarà distrutta,

già senza la mia carne vedrò Dio.

Io lo vedrò, io stesso;

i miei occhi lo contempleranno, e non un altro.

Le mie viscere si disfanno dentro di me.

Se dite – Come lo perseguiteremo,

e quale pretesto di processo troveremo in lui? -,

temete per voi la spada,

perché questi sono delitti di spada,

e saprete che esiste un giudizio.”

GIOBBE 42/2,6 – SECONDA RISPOSTA DI GIOBBE –

“Riconosco che puoi tutto,

e nessun progetto ti è impossibile.

Chi è colui che denigra la provvidenza senza nulla sapere?

E’ vero, senza nulla sapere,

ho detto cose troppo superiori a me, che io non comprendo.

Ascoltami, di grazia, e lasciami parlare,

io ti interrogherò e tu mi istruirai.

Io ti conoscevo per sentito dire,

ma ora i miei occhi ti hanno visto.

Perciò mi ricredo e mi pento

sulla polvere e sulla cenere.”

– Il mistero della vita – (Chagall e la Bibbia)

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.