Non voglio cambiare Pianeta

PABLO NERUDA

“Seguiteranno a viaggiare tra gli astri oggetti metallici

con dentro uomini stanchi, violenteranno la luna aprendovi farmacie.

E’ il tempo dell’uva e il vino comincia a vivere tra le montagne e il mare.

…Il sole bacia ogni porta e col grano fa miracoli.

Il primo vino è rosato, dolce come un bimbo tenero;

il secondo è robusto come voce di marinaio;

e il terzo vino è un topazio, un papavero e un incendio.

La mia casa ha mare e terra, la mia donna ha grandi occhi color nocciola

quando si fa notte il mare si veste di bianco e di verde,

e la luna tra le schiume sogna come sposa marina.

Non voglio cambiare Pianeta.”


*Da “Il pigro”, in “Poesie”, a cura di Roberto Paoli; ed. Fabbri, Milano, 1994, pp. 241-242*

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.