Archive for the ‘Natura’ Category

Le margheritine

“Era d’aprile. I monti, tutto intorno, ancora coperti di neve, scintillavano come se, durante la notte, vi fossero nevicate sopra tutte le stelle. Il cielo era di un azzurro fresco e tenue; i prati, in fondo alla valle, già belli e verdi, si andavano popolando di peschi in fiore, di susini in fiore, di viole, di margheritine.

Ora avvenne che nel prato delle margheritine andò a passeggiare la Madonna con in braccio il Bambino Gesù. Essa aveva sulle spalle un manto azzurro ancor più delicato di quello del cielo. Il suo volto e le sue mani eran candidi come la neve. Il Bambino portava una veste rosea come i fiori del pesco.

Appena essa fu in mezzo alle margheritine, queste spalancarono gli occhi per la meraviglia: il prato fu in breve un solo battere di ciglia radiose. Le margheritine non avevano mai visto una così bella mammina, né un bimbo così grazioso. Avrebbero ben voluto domandarle chi mai fosse e donde venisse, ma non osavano; e rimanevano lì, con la domamda in gola. Alla fine, una si fece coraggio e disse timidamente.

“Chi siete voi, o signora?”

I cento occhietti intorno brillarono di curiosità e di gioia. Una farfalla intanto venne a volare intorno a Gesù. Un ruscello nascosto rideva, da lungi, nel silenzio luminoso. Tutta la campagna invece taceva, sospesa.

E la bella signora rispose, con la sua voce soave:

“Io sono la Madonna, la madre di Gesù.

Allora le margheritine, piene di meraviglia, furono felici come non erano state mai. Ma già la Madonna si allontanava lenta lenta, senza piegare l’erba sotto i suoi piedi.

Essa giunse, così andando, su una collinetta ove fioriva un altro popolo di margheritine. Qui fu lei a domandare a voce bassa, quasi in segreto, in modo che nessuno intorno udisse:

“E voi lo sapete chi sono io?”

“Ma certo lo sappiamo: tu sei la Madonna, e questo è il tuo figliuolo Gesù – risposero esse in coro, come uno stormo di bambine contente.

Allora le prime margheritine, quelle che non avevano riconosciuta la Madonna, si fecero tristi tristi, e diventarono rosse dalla vergogna. Da quel giorno in poi vi sono al mondo margheritine bianche e margheritine rosse, le une più belle delle altre, tutte fatte per la gioia di noi, poveri uomini.”

(GIUSEPPE ZOPPI)

Dall’Antologia italiana LA PRORA – volume primo – Edizione 1961

 

La primavera

“Quando il cielo ritorna sereno

come l’occhio di una bambina,

la primavera si sveglia. E cammina

per le mormoranti foreste,

sfiorando appena

con la sua veste

color del sole

i bei tappeti di borracina.

Ogni filo d’erba reca un diadema,

ogni stilla trema.

Qualche gemma sboccia

un po’ timorosa,

o porge la boccuccia color di rosa

per bere una goccia

di rugiada…

Nei casolari solitari

i vecchi si fanno sulla soglia

e guardano la terra

che germoglia.

La capinera prova una canzonetta

ricamata di trilli

e poi cinguetta

come una scolaretta.

I grilli

bisbigliano maliziose parole

alle margherite

vestite

di bianco. Spuntano le viole…

A notte le raganelle

cantano la serenata per le piccole stelle.

I balconi si schiudono

perché la notte è mite,

e qualcuno s’oblia

ad ascoltare quel che voi dite

alle piccole stelle,

o raganelle

malate di malinconia.”

(UGO BETTI)

BUONA NUOVA PRIMAVERA ALLA VITA!

Personalità infinita

“La natura entro cui siamo nati, è solo una verità imperfetta, come la verità del seno. La verità completa consiste nel fatto che siamo nati nel grembo della Personalità infinita e che il nostro vero mondo non è il mondo delle leggi della materia e della forza, ma il mondo della personalità. Quando comprendiamo appieno ciò, si realizza la nostra libertà. Allora noi comprendiamo ciò che dice l’Upanisad.

“Conosci tutto quello che si muove nel mondo in moto come avvolto in Dio, e godi di quello che viene da Lui.”

Rabindranath Tagore – Da Il mondo della personalità

Grandezza d’animo

“La bellezza è il fiore,

ma la virtù è il frutto della vita.”

(Lorenzo Giustiniani)

 

Custodi dei semi

il-frutto-ritrovato

Chiara Spadaro

 Giornalista, collabora con il mensile Altreconomia e con il settimanale Carta.

E’ laureanda in antropologia culturale. –

Civiltà contadina

Il crack finanziario non preoccupa i “custodi dei semi”. Almeno non quelli che – come i soci di Civiltà Contadina –  alle “banche del germoplasma”, blindate e inaccessibili, hanno preferito un’“Arca dei semi”, senza porte né chiavistelli, dove i semi ritrovati di antiche varietà siano a disposizione di tutti.

L’Arca dei semi di Civiltà Contadina raccoglie oltre 2 mila varietà ed è uno spazio biodiverso da condividere: chi vuole (anche chi non è socio dell’associazione) può portare i propri semi (o spedirli per posta) e prenderne in cambio degli altri, da diffondere e riseminare. L’impegno minimo che Civiltà Contadina chiede ai suoi soci, infatti, è di fare la propria parte nel lavoro collettivo di salvaguardia delle varietà antiche e del patrimonio culturale che i semi portano con sé. Ognuno deve difendere almeno una varietà di antiche ortive, piantando il seme, riproducendolo e conservandolo, oppure fare ricerca su quella particolare varietà, o ancora- se non ha a disposizione un pezzetto di orto da coltivare – può aiutare in altro modo, mettendo a disposizione dell’associazione le proprie capacità (ad esempio per tenere la contabilità, o impaginare il giornalino che viene spedito ai soci). Tutti sono volontari e la responsabilità non è delegabile a nessuno: ognuno deve fare qualcosa di concreto per la salvaguardia della biodiversità, nel suo piccolo. Grazie a questo lavoro collettivo, l'”Arca” di Civiltà Contadina è diventata nel tempo un vero e proprio “archivio vivente”, un centro di ricerca e documentazione sulle antiche varietà locali, con libri, enciclopedie agrarie, manifesti e materiali multimediali che ne raccontano la storia, le ricette, gli usi e le tecniche di coltivazione.

images-2

L'”Arca dei semi” è solo una delle attività realizzate da Civiltà Contadina, che dal 1996 è impegnata nella salvaguardia della biodiversità rurale”: un patrimonio che racchiude le piante selvatiche e i semi delle piante alimentari, gli alberi da frutto e quelli boschivi, ma anche le erbe spontanee e gli animali che un tempo avevano un ruolo fondamentale nelle piccole economie locali e famigliari.

I soci oggi sono più di 400, impegnati nella riscoperta dei sapori, colori, forme dei frutti di un tempo; una ricerca che riparte dai territori, dai nodi locali dell’associazione sorti in diverse Regioni, che coordinano e organizzano le attività locali di Civiltà Contadina (tutti i riferimenti si trovano sul sito dell’associazione).

Tra questi, c’è chi conserva nell’orto antichi alberi da frutto, chi si sporca le mani di terra nell’orto della scuola, chi porta in tavola i sapori perduti, chi organizza uno scambio di semi in condominio. Sopratutto l’associazione fa dei “prestiti” di semi ai soci che vogliono diventare “custodi” di vecchie varietà. I semi vanno restituiti a fine stagione con il doppio della quantita prestata. Ma essendo un compito delicato, Civiltà Contadina non lascia soli i contadini custodi ma ha pubblicato sul suo sito alcune preziose guide, esperienze di coltivazione dell’orto conservativo ecologico, consigli, istruzioni per l’uso e tutto ciò che ci aiuterà nel costruirci un orto che rispetti la biodiversità: www.civiltacontadina.it/modules/smartsection/

Via posta, potete mandare i semi (e richiederne a vostra volta) a: Alberto Olivucci, via Varco Biforca 7 – 61010 (RN)

Civiltà Contadina (segreteria)

Via Gadda 300 – 47023 Cesena

tel 0363 709777, associazione@civiltacontadina.it

www.civiltacontadina.it

 

Da qualche parte

“L’unverso non ha un centro,

ma per abbracciarsi si fa così:

ci si avvicina lentamente

eppure senza motivo apparente,

poi allargando le braccia,

si mostra il disarmo delle ali,

e infine si svanisce,

insieme,

nello spazio di carità

tre te

e l’altro.”

(Chandra Livia Candiani)

L’unica rivoluzione

“Tra i rami nudi sbircia

il cielo, il tuo;

sii terra ora e canto serale

e campagna su cui regna il cielo.”

(Rainer Maria Rilke)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: