Il Fiore della Pace

il mio giardino

“La pace è come un fiore che sboccia

e di mattina la rugiada bagna i suoi petali,

facendola diventare sempre più grande

e quando il fiore si sta seccando

è il segno di guerra.

E quando rinasce

è il simbolo di pace in tutto il mondo.

La Pace è una bellissima cosa:

vede i cani che giocano per le strade,

i soldati prima nemici stringersi la mano,

i bambini che vanno a scuola felici

i papà giocare con i loro figli

i carri armati sparare fiori.

La Pace è come un cerchio costruito da

anziani, donne, bambini e uomini

che si vogliono bene.

E’come un usignolo che canta.

E’ come il sole sempre acceso

e pieno di speranza.

La pace è come il soffio del vento

che ti accarezza il viso.

E’ come una stella che viaggia

libera nell’universo.”

(Aurora)

AURORA

 è una mia vicina di casa.

Ha sette anni.

Ama le poesie, le filastrocche

il mio giardino.

Dipinge con gli acquerelli

e, sempre disponibile,

annaffia gli aromi del mio mandala.

Ieri è venuta per il sale aromatizzato

ma l’altro ieri,

per l’ultima poesia imparata a scuola.

cactus

Roseo il viso,

timido il dolcissimo sorriso.

Lieve la voce tepida.

Come il primo raggio di sole

  colora e risveglia la vita.

rose del mio giardino

Grazie piccolo Fiore della Pace!

(Nives)

Teneramente

il senso del mistero

“Teneramente l’eternità

diffonde l’amore

come la luna riversa i suoi raggi

sul mandorlo in fiore.

luna sui mandorli

Teneramente l’eternità

porta la speranza

quando i nostri occhi

cercano nei suoi

una rotta sicura,

quando ti parla

con parole indifese

dal silenzio incantato.

coniglietto

Teneramente l’eternità

nutre la vita,

donando la luce di un’alba intatta

<i primi occhi che la guardano.”

(Luigi Verdi)

il sole all'alba

Essere nuovi

alba australiana

“Essere nuovi come la luce a ogni alba, come il volo degli uccelli

e le gocce di rugiada: come il volto dell’uomo,

come gli occhi dei fanciulli come l’acqua delle fonti:

vedere la creazione emergere di notte!

Non vi sono fatti precedenti: non parlate di millenni

o di giorni o di altri millenni. Né creatura alcuna

correrà il rischio di essere sazia: principio altro principio genera

in vite irripetibili come le primavere.

Io debbo essere un segno mai visto, ipostasi del non visto prima,

goccia consapevole o perla nella notte, il lucente attimo di Dio

che per me solamente così si riveli e comunichi.

Unico male l’abitudine e la scelta tragica: discorrere invece che intuire.”

(David Maria Turoldo)

Guarda a questo giorno

“Guarda a questo giorno!

In esso è la vita, la vera vita della vita.

Nel suo breve corso

è riposta tutta la verità e la realtà del tuo esistere:

la felicità del crescere

la gloria dell’azione

lo splendore della bellezza;

poiché ieri non è che un sogno

e domani una visione;

ma l’oggi ben vissuto rende ogni ieri un sogno di felicità

e ogni domani una visione di speranza.

Guarda bene, perciò, a questo giorno!

Tale è il saluto dell’alba”

(Dala Carnagie)

upupa

Prendere il caffè all’alba…seduta comodamente al fresco…

in compagnia di cuccioli di conigli,

di giocosi e timidi scoiattoli,

 

Immergersi in un mondo semplice, concreto, vivo….

Correre con i piedi nudi

sulla sabbia fredda e morbida….

fare il bagno nell’acqua calma, cupa e calda….

Attendere…ancora…il  primo raggio di sole che…

incanta i bimbi, vivifica l’aria e l’acqua, i pesci e i gabbiani…

nello straordinario ciclo della vita!

Di giorno, un caldo afoso, ci spinge in acqua,

sotto la doccia e all’ombra dei pini marittimi….

a dissettarci con pesche, angurie, uva, pere, susine, melone….

succose meline nuove, gelati e bibite fresche…

E di notte….al buio e in  silenzio….

a guardare le stelle….Aspettando di sentire sulla pelle….

la carezza d’un leggero alito di fresco vento…

Sognando due grandi braccia che…

avvolgono e protteggono

un mondo di pace!!!