Le Anime…

…non si mescolano

174680b_il-soffio-dell-anima-rich-visore

“Ogni uomo ha un’anima che non può mescolare con nessun’altra. Due creature umane possono accostarsi, parlare tra loro ed essere vicinissime, ma le loro anime sono come fiori, radicate ciascuna nel proprio terreno, e nessuna è in grado di spostarsi verso l’altra perché dovrebbe abbandonare la sua radice e non può.”  (Hermann Hesse)

anime come fiori

I sogni di Geneviève

Sogni di una bambina innamorata…

di una creatura romantica di nome Genoveffa….

Sogni avvincenti, esigenti, traboccanti!!!

Storia di un amore lacerante…

diventato stupenda AVVENTURA di un cuore puro.

7562505-macro-fotografia-di-ortensie-le-sfumature-di-colore-dei-fiori-viola-e-blu-fioriscono-in-primavera-co

Da “Ricordi di una bambina”, di Domenica Luise

“L’ortensia nel giardino era sbocciata e lui non veniva

si era sfatta a poco a poco,

e lui non veniva più, e io pensavo

a come lo guardavo, a come mi guardava.

Poi partì, gli scrissi, non rispose,

avevo diciannove anni e piangevo.

Ero tanto bambina, non nascondevo a nessuno

che gli volevo bene, tutti sapevano,

tutti capirono e fecero finta di niente,

tanto il mondo è pieno di uomini,

un altro sarebbe venuto, mi avrebbe amata.

Ed è venuto un Altro che mi ha amata,

che non ha giocato a rimpiattino con me,

mi ha chiesto: “Vuoi essere la mia sposa”,

ed io ho risposto di sì.”

Essere nuovi

alba australiana

“Essere nuovi come la luce a ogni alba, come il volo degli uccelli

e le gocce di rugiada: come il volto dell’uomo,

come gli occhi dei fanciulli come l’acqua delle fonti:

vedere la creazione emergere di notte!

Non vi sono fatti precedenti: non parlate di millenni

o di giorni o di altri millenni. Né creatura alcuna

correrà il rischio di essere sazia: principio altro principio genera

in vite irripetibili come le primavere.

Io debbo essere un segno mai visto, ipostasi del non visto prima,

goccia consapevole o perla nella notte, il lucente attimo di Dio

che per me solamente così si riveli e comunichi.

Unico male l’abitudine e la scelta tragica: discorrere invece che intuire.”

(David Maria Turoldo)