Inno alla Speranza

“La Speranza” è quella cosa piumata

che si viene a posare sull’anima

canta melodie senza parole – e non smette mai.

E la senti – dolcissima – nel vento.

E dura deve essere la tempesta

capace di intimidire il piccolo uccello

che ha dato calore a tanti.

Io l’ho sentito nel Paese più gelido

e sui mari più alieni.

Eppure mai, nemmeno allo stremo,

ha chiesto una briciola – di me.

(Emily Dickinson)

 

 

 

San Martino di Castrozza

TRENTINO

Questa Città incastonata nel cuore delle DOLOMITI, è un’autentico gioiello, una perla delle più belle.

In questi giorni sembra abbandonata a se stessa. Le case, gli alberghi, i negozi sono tutti chiusi, sporchi, fatiscenti.

Solamente un bar e un giornalaio che vende anche il pane, aprono il negozio per qualche ora, per la gente di passaggio.

Eppure le rondini sfiorano l’acqua allegra del torrente che attraversa la città.

Le nevi si sono ritirate e il cane San Bernardo si gode piacevolmente il tepore del sole di mezzogiorno.

I bucaneve trapuntano i prati quasi “bevendo” l’ultima neve.

bucaneve

Che bello sarebbe abitare qui e godere sempre tanta bellezza!

Purtroppo la città vive solo di Turismo e per pochi mesi all’anno.

Che tristezza infinita guardarla che inutilmente dorme!…

Resa ignara, purtroppo, della VITA che  rinasce beata!

Resa tanto preziosa e proibita alla gente comune che ne ignora l’esistenza.

rondini

Chissà se con la crisi economica  degli uomini di questi tempi…

le sarà consentita almeno la gioia della calda estate e del ghiacciato inverno!

Fede

il bimbo dorme

“Quando brillava il vespero vermiglio,

e il cipresso pareva oro, oro fino,

la madre disse al piccoletto figlio:

– “Così fatto è lassù tutto un giardino” –

Il bimbo dorme, e sogna i rami d’oro,

gli alberi d’oro e le foreste d’oro;

mentre il cipresso nella notte nera

scagliasi al vento, piange alla bufera.”

(Giovanni Pascoli)