Posts Tagged ‘essere’

Goccia d’acqua (metafora)

Goccia d’acqua…o…l’acqua della goccia?

(Raimon Panikkar)

Esperienza del vuoto

“impariamo ad amare ciò che non possiamo capire.”

(Albert Camus)

halak (camminare/andare)

“Vado con faticosa leggerezza,

con paziente agilità,

con calcolata ispirazione,

porto la terra lontano

ed essa mi porta vicino a me

ed è lì che abbraccio la mia vita

è lì che darò un bacio ad ogni mia ferita.”

“….camminare, andare….come viandanti innamorati…

convinti che l’amore basta all’amore….”

(Luigi Verdi)

Sussulto

calicantus

“Il coraggio del cuore è di battersi per le sue percezioni”  (James Hillman)

calicantus

“La meraviglia è il passaggio dal non vedere al vedere, dal comunemente visto al visto veramente: come fosse la prima volta.”  (Salvatore Natoli)

(cosmo

“Nell’universo l’uomo ha il suo posto, non un posto casuale, ma un posto armonico.” (Riccardo Muti)

sorgente

“queste pietre abbandonate sono le mie occasioni” (David Maria Turoldo)

  seme

“Il seme nuovo è fiducioso, si radica nel profondo nei luoghi che sono più vuoti.”  (Clarissa Pincola Estés)

anno-nuovo-rodari

B E N V E N U T O…..2 0 1 4 !

“Io abito la Possibilità

una casa più bella della prosa

più ricca di finestre

superbe le sue porte.

E’ fatta di stanze simili a cedri

che lo sguardo non possiede.

Come tetto infinito

ha la volta del cielo.

La visitano ospiti squisiti

la mia sola occupazione

spalancare le mani sottili

per accogliervi il Paradiso!”  (Emily Dckinson)

Garden of Eden - Hieronymus Bosch-www_anuttara_net_111

cuore

“il cuore di sé”

“E’ costituito dai tratti più essenziali della personalità (come la verità, la libertà, la giustizia, la creatività), da quello che concerne la vocazione profonda della persona, dai legami più profondi vissuti con le persone che condividono lo stesso “agire essenziale”, dalla relazione con Dio o con una Trascendenza.

L’aspirazione ad esistere è molto potente in questo cuore di sé, si sente una profonda pienezza nel viverlo. Gli ostacoli alla messa in atto del cuore di sé possono generare ferite profonde.

Non è sempre facile determinare il confine tra il cuore di sé e la periferia di sé; varia da individuo all’altro. Alcuni sviluppano eccessivamente i doni periferici perchè si sentono riconosciuti in questi aspetti, altri non osano vivere l’essenzialità di sé. Ciò che può essere periferico per uno, come un dono per la musica o la pittura, può essere essenziale per un altro, mentre apparentemente l’investimento nel vivere questo dono può essere paragonabile. Nel momento in cui la persona si impegna nel suo “agire essenziale” ed è messa di fronte alla necessità di fare delle scelte, le distinzione fra cuore di sé e periferia di sé si fa più netta. La persona può sfrondare, fra i suoi agire, quelli che derivano da potenzialità periferiche; al contrario, non può abbandonare la messa in atto di ricchezze provenienti dal cuore di sé.”  (PRH-Internazionale)

nucleo della cellula

ancora bulbi….

….ancora VITA!

L’anima del BULBO…

Nucleo solido…dell’ESSERE!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: