La Vendemmia

vendemmia

“E’ la fatica più lieta dell’anno. Fin dall’alba, allegri richiami vanno dall’aia al campo, dalla cantina al granaio.

vendemmia

Tutti gli abitanti della casa, fino ai bambini, scendono nella vigna, forniti di cesti, cestini, forbici.

vendemmia

L’uva è matura. Fra i pampini s’intravedono dei grappoli così grossi che neppure si possono tenere con una sola mano.

vino egiziano

Tac, tac: è il rumore delle forbici che tagliano. I grappoli vanno a cadere nei cesti. E allora cominciano i viaggi, su e giù, dalla vigna alla cantina, dove l’uva viene rovesciata nel tino. I ragazzi sono felici.

vendemmia

Dalla cannella del tino esce il mosto, denso e profumato, dolcissimo. I ragazzi, se fossero soli, ne berrebbero chi sa quanto.

la vendemmia

Una fatica allegra! La mamma, in cucina, prepara i dolci col mosto e si dà un gran da fare. E’ giorno di festa questo!

vendemmia_chianti_naif

Non sempre accade di mettere il raccolto al sicuro. Talvolta le viti, già ricche di grappoli, sono distrutte da un’improvvisa grandinata. Così in pochi minuti, per i poveri contadini, vengono distrutte le fatiche e le speranze.”

(M. MENICUCCI)

Lieta fatica!

fragrante carico

“L’epoca della vendemmia è la più lieta di tutto l’anno.

Nessun altro prodotto della campagna, neppure le spighe d’oro sono portate a casa in mezzo a tanta festa.

Nei lavori della vendemmia tutti possono essere utili.

Curve sui filari le fanciulle e le donne, avvolti intorno al capo i loro bei fazzoletti colorati,

muovono rapidamente le forbici fra i pampini e staccano i grappoli

che pongono dentro i canestri posti ai loro piedi.

Gli uomini con le bigonce si avvicinano e versano in esse l’uva dei cesti, piano, sospingendola con le mani.

I grappoli non ancora scelti vengono portati addiritura con le corbe, sul tavolato

intorno a cui sono sedute le donne più anziane che passano in esame, si può dire,

acino per acino buttando da parte i marci.

Quando esso è colmo, si aggiogano al carro i buoi e si discende

con quel ricco e fragrante carico verso il paese.”

(R. LOMBARDINI)

allegra fatica
acino per acino