L’ombra di un sogno fuggente

“C’è un solo modo per conoscere Dio,

per conoscere una donna, un ragazzo, una città…

         – inginocchiarsi e guardarli da vicino” –

(Angelo Casati) 

“Se non puoi illuminare la notte con la conoscenza,

cerca di illuminarla con le delizie.”

(Gilberto d’Hoyland)

 

“Siamo migranti, senza riposo, senza sosta, sempre in cammino.

Esiliati, costruiamo i nostri nidi negli alberi del futuro.”

(Rubem Alves)

 

“….che è mai la vita?

E’ l’ombra di un sogno fuggente.”

(Giosuè Carducci)

Il Dono

“Solo la luce che ininterrottamente

discende dal cielo fornisce ad un albero

l’energia che fa penetrare a fondo

nel terreno le possenti radici.

In verità l’albero è radicato nel cielo.

Solo ciò che proviene dal cielo

è in grado di imprimere realmente

un marchio sulla terra.”

(Simone Weil)

Questione di occhi

“Cesare Pavese parla del “mestiere di vivere”, che è cosa terribilmente importante e raffinata: mestiere che si impara giorno per giorno, che non si trasmette in eredità, che soprattutto non si è mai sicuri di aver appreso una volta per tutte. Il più difficile tra tutti i mestieri. Si comincia ad impararlo da piccoli, con la soddisfazione dei primi passi e la delusione delle prime cadute, con le carezze morbide e le sgridate amare: ci si allena un po’ alla volta, ma mai abbastanza e mai come nella giovinezza sembra aspro e incerto. O immediato e sicuro. Come la stella, che c’è e non c’è, si verifica una coincidenza di stati che nel suo sovrapporsi forse rendono possibile la luce.

E brilla in noi, anche quando quell’età è passata da un pezzo, la tenue speranza di non aver perso la prospettiva di un futuro, di poter capovolgere la sorte, di possedere uno sguardo che fa vedere nuove tutte le cose. Mi convinco che è una questione di occhi, solo di occhi, che riescono a trovare la vita, tutta la vita, nelle cose che guardano. Allora decido: la mia stella è viva.” (Maria Teresa Albignente)

 Brano tratto dal Giornalino della FRATERNITA’ DI ROMENA – dedicato ai GIOVANI – Anno 2015)

Stò… con i miei Sogni

Bellerefonte

“Combattiamo contro un persecutore insidioso, che lusinga: non ci flagella la schiena, ma ci accarezza il ventre; non ci confisca i beni per la vita, ma ci arricchisce per la morte; non ci sospinge col carcere verso la libertà, ma ci riempie di incarichi nella sua reggia per la servitù: non spossa i nostri fianchi, ma si impadronisce del cuore; non taglia la testa con la spada, ma uccide l’anima col denaro; non minaccia di bruciare pubblicamente, ma accende la geenna privatamente. Non combatte per non essere vinto, ma lusinga per dominare; confessa il Cristo per rinnegarlo; favorisce l’unità per impedire la pace; reprime le eresie per sopprimere i cristiani; carica di onori i sacerdoti (….) costruisce le chiese per distruggere la fede. Ti porta in giro a parole, con la bocca (….)”.

(Angelo Casati – dal Libro: “Le paure che ci abitano”

“Basta che un uomo sogni

perché un’intera razza

profumi di farfalle.

Basta che solo uno sussurri

di aver visto l’arcobaleno di notte

perché perfino il fango

abbia gli occhi rilucenti”.

(Manuel Scorza)

Un pugno di luce

“Torniamo alla profezia,

a conoscere noi stessi

non dai giudizi facili,

ma dalla vita

che ci mette alla prova,

a vivere per la prossima

cosa bella che accadrà,

nello spoglio e sfolgorante ora.

Torniamo alla profezia,

di una vita che si fa torcia di fuoco

bagliore alla strada,

luce sufficiente per camminare.

Torniamo alla profezia,

ad avere cuori impazienti e gesti lenti,

corpi che aprono la strada alla parola,

e che tutto ciò che trovano in giro

rendono semplice.

Torniamo alla profezia,

ad anticipare il cambiamento

ad essere un pugno di luce

lanciato in faccia al mondo.”

(Anonimo)

Nasce Dio

Il SI di Maria

Il SI di Gesù

è risposta di Amore

all’Amore del Padre Creatore,

che si fa Figlio,

si fa Bambino,

si fa Sua Creatura.

La Carezza e il Bacio di Dio

doni gioia ai cuori sfiduciati

che disperano.

Sia Bene e Speranza di Salvezza

per l’Umanità ferita e senza Pace!

Nives

Auguri di Natale

A tutti gli Amici, cordiali Auguri di BUON NATALE!

Quando viene dicembre

“La prima neve è apparsa sui monti. E’ il mese delle castagne,

quando i bimbi se ne stanno in casa, e riprendono i giochi

al calduccio, ed hanno un gran da fare a comporre il presepio.

Poi, il 25, la festa di tutte le feste, il Natale.

E’ nato il Redentore del mondo, è nato Gesù.

Ecco, il giorno, ora, va ricrescendo a poco a poco;

di appena qualche minuto, ma cresce verso l’estate.

Così è la vita; quando tutto pare finito, spento, inaridito per sempre,

è proprio allora che essa ricomincia a riprendere, magari,

sotto la neve ed il ghiaccio,

come i semi che vi sono nascosti.”

(Dal Libro di Lettura per gli alunni delle Scuole Elementari, del 1962)

germoglio