Marzo

“Marzo è un mese un po’ matterello!

Piace molto alla ranocchia

che si gonfia e che fa spocchia

ma non garba al passerotto

che si stringe nel cappotto.

Forse il merlo meno saggio

sogna già d’essere in maggio

e si gela una zampina

fra la brina.

Ma la cincia, nel suo nido,

ride e dice: – Non mi fido!

Presto è ancora! La messaggera,

bianca e nera,

non è già sotto la gronda

e chi ha freddo si nasconda;

non è ancora primavera!…-

Chiotto chiotto,

le risponde un passerotto;

Tu sei saggia e veritiera!

Marzo è bello

col cappotto e con l’ombrello,

con le scarpe e col cappello.

E se pur sotto la brina

col fiorir di una mattina,

sulla riva d’un ruscello

c’è una gocciola turchina,

una timida viola

che, fra sole e solicello,

ti sorride sola sola,

bene, e tu non ti fidare!

Marzo è un poco pazzerello!

Ti potrà far sospirare,

chissà quanto, il tempo bello!

Marzo porta il vento, il fiore

e la pioggia, il raffreddore!”

(A. BELTRAMELLI)

Fanciulli

bambini allegri

“Fanciulli, voi siete il chiasso, il moto perpetuo,

la perpetua distruzione;

creatività

dove ci siete voi c’è il terremoto, il finimondo, la rivoluzione.

litigare

Tutto è tranquillo e silenzioso dove son grandi e savie le persone;

ma il nido senza augelli è triste e vuoto,

bimbo sorridente

ciò che allieta il giorno è la canzone.

bimbo simpatico

Venite pure, o frugoli irrequieti, assordatemi pure (io m’accontento)

con le fresche risate e i gridi lieti.

gioco

La vostra sana, semplice allegria è la folata rapida di vento

che da tante negre nubi spazza via.”

(Ida Alliaud)

cucinare

Come le rondini

Come rondini che cercano il sole…

gli Sposi partono per luoghi lontani.

Animati da coraggio e tanta fiducia…

Spinti dal desiderio di cieli tersi ed aria pura…

voleranno verso il sole caldo d’Australia.

Verso un nido sicuro e già pronto

per la nuova Famiglia.

 Amore, Passione, Speranza….e Determinazione

  faranno sorridere la Vita!

VIVA GLI SPOSI!

rondini

“Sui fili del telegrafo che lieto conversare

di brune rondinelle, venute d’oltremare!

Si narrano i viaggi nell’azzurro e nel sole;

le meno stanche intrecciano voli, guizzi, carole

intorno al campanile; e con lunghi garriti

s’allegrano dei peschi, dei mandorli fioriti.

Altre cercano i nidi, altre radono l’onda.

Che improvviso clamore sotto la vecchia gronda!

Due rondinelle altercano: han trovato un capello,

un sottil filo d’oro di bimbo o d’angiolello.

Lo tengono nel becco ed ognuna lo vuole:

porta sempre fortuna un filino di sole.”

(OLGA VISENTINI)