Il rischio di amare

“Il rischio implicito di ogni grande amore è quello

di smarrire la “polifonia dell’esistenza”. Voglio

dire che Dio e la sua eternità pretendono di essere

amati dal profondo del cuore, senza però che

l’amore terreno ne venga danneggiato o indebolito,

qualcosa come un canto fermo, piuttosto, in

rapporto al quale le altre voci della vita formino il

contrappunto; l’amore terreno è uno di questi temi

contrappuntistici, del tutto autonomi e tuttavia

correlati al canto fermo…

Fate che il canto fermo risuoni alto e distinto, perché

solo allora la sua risonanza è piena, intera e il

contrappunto sa di essere sostenuto, non può

scivolare né distaccarsi e tuttavia resta se stesso,

autonomo, un tutto.

Quando si è dentro questa polifonia, la vita è

completa e si sa che niente di funesto può accadere

fino a che il canto fermo viene tenuto.

Dietrich Bonhoeffer

acqua