Posts Tagged ‘riscatto’

L’ombra di un sogno fuggente

“C’è un solo modo per conoscere Dio,

per conoscere una donna, un ragazzo, una città…

         – inginocchiarsi e guardarli da vicino” –

(Angelo Casati) 

“Se non puoi illuminare la notte con la conoscenza,

cerca di illuminarla con le delizie.”

(Gilberto d’Hoyland)

 

“Siamo migranti, senza riposo, senza sosta, sempre in cammino.

Esiliati, costruiamo i nostri nidi negli alberi del futuro.”

(Rubem Alves)

 

“….che è mai la vita?

E’ l’ombra di un sogno fuggente.”

(Giosuè Carducci)

Fedro

poeta romano

“- Accomoda bene le pieghe del mio peplo! – disse Giulia allo schiavo che doveva condurla lungo il Tevere. E lo schiavo si chinò a disporre la veste della nipotina dell’imperatore Augusto; ma la sua mano, fine come quella di un signore, aveva tremito.

– Tu sei lento! – gridò la piccina. – Tu non fai nulla bene!

 

 

     moda_etrusca

 

Lo schiavo sollevò gli occhi in faccia alla fanciulla.

– Non fissarmi così, Fedro. 

Poi si accorse che uno dei suoi calzari era slacciato, e disse:

– Chiama un’ancella: tu sei maldestro.

Pochi istanti dopo una schiava si chinava a mettere in ordine i piedini della principessa.

– Tu sei abile! – sussurrò Giulia. – Ma Fedro è davvero uno schiavo incapace: dirò a mio nonno di confinarlo in campagna, dove i sorveglianti danno poco cibo e molte frustate.

L’ancella, sempre in ginocchio, davanti alla fanciulla, sollevò i grandi occhi:

– Mia piccola principessa, mi permetti di rivelarti una cosa?

– Dimmi.

– Fedro è il migliore di tutti noi; ha letto molto, ha una profonda cultura, e a tarda sera, quando noi schiavi ci riuniamo per la cena, egli ci legge i suoi versi.

favola di Fedro       favola di Fedro

 

..

 

favola di Fedro

Giulia batté le ciglia:

– Non è possibile!

– Eppure, la sua è una poesia che narra tante piccole favole, e ogni favola ha il suo insegnamento.

In quel momento un’ombra che si era appostata dietro gli alberi, ascoltando, si avanzò, sino al fianco di Giulia: la schiava vide per  prima, e si chinò sino al suolo, salutando il suo imperatore.

– Chi è lo schiavo che scrive versi?

– Fedro.

– Ebbene, venga subito nelle mie stanze.

Poco dopo il giovane poeta sgranava  i grandi occhi pensosi in volto al sire, che gli chiedeva di leggere le favole in poesia.

Fedro lesse con voce tremula, e poi colorita. Quando tacque, l’imperatore ordinò:

– Avvicinati; da questo momento non sei più schiavo, ma mio liberto: la tua poesia ti rende degno di sedere alla mia mensa.

Quando Giulia vide Fedro in famigliarità con il nonno, e onorato al pari di altri poeti che frequentavano la reggia, sgranò gli occhi, poi curvò il capo pensosa:

Poeta romano

– Lo pregherò di leggermi le sue favole: spero che mi vorrà perdonare.

E Fedro fu lieto di perdonare.”

(Olga Visentini)

Il sogno del galeotto

galera

“Sono in galera;

me lo merito.

Ho sbagliato ed è giusto che paghi.

Vorrei ricominciare da capo,

diventare un uomo nuovo.

Attorno a me però c’è gente che

forse è peggio di me;

quando manifesto questo proposito

mi ridono in faccia.

Ma gli onesti, i buoni,

i cittadini per bene, i cristiani

dove sono?

Se solo potessi sentire un po’ di fiducia,

uno sguardo affettuoso, un sorriso

caldo.

Sapessi come ho bisogno che

qualcuno m’aiuti a sperare!

berlusconi e l'imu

Caro Silvio, io vorrei aiutarti a sperare e a ricominciare da capo! Ma tu non ammetti i tuoi errori, non intendi nemmeno confrontarti con la giustizia italiana, nonostante tu sia un cittadino italiano come me. Dimmi Silvio, perchè non riconosci il cattivo esempio che dai? Questo è evidente…non credi?

Sì, forse sono peggio di te….perchè rido in faccia alle tue promesse e non ti credo. Ma io sono cristiana…e sono abituata a credere a CHI non difende la sua persona e i suoi evidenti errori! Io credo a coloro che non temono, anzi testimoniano la VERITA’ ….che sempre RISORGE, quando è autentica!

strade della ricchezza

Caro Silvio, io voglio crederti, credimi! Cerco di avere uno sguardo affettuoso e un sorriso caldo nei tuoi confronti, e vorrei aiutarti a sperare…ma vedi, tu hai case e castelli e non ti manca il pane!

l'amore

Che speranza potrei donarti? Preparei un pane per aiutarti a sperare! Ma tu non sapresti che farne, dal momento che chiedi forme d'”amore e speranza”….che io non conosco.

Vedi, io non posso darti consenso e voto, solo perchè mi prometti che mi libererai dall’IMU!

La mia casa è tanto piccola che l’IMU mi costa lo 0,00003% della benzina che consumo per andar, una volta a settimana, a far visita alla mamma che abita a 20 km!!!

Caro Silvio, se davvero il tuo sogno, è un sogno di libertà per tutti….

logo-pdl-berlusconi3 copia

dimostrami che sei un uomo veramente libero,

un uomo che lotta per il bene e la verità…

ma ti prego, fallo nel modo che…GESU’‘ mi ha insegnato! Perchè…

CROCE

QUESTA E’ LA VIA della VERITA, della LIBERTA’…

e della VITA che RISORGE!

Solo su questa via il tuo SOGNO sarà REALTA di….UOMO NUOVO!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: