Posts Tagged ‘significato’

Il senso delle cose

L’agitazione è  il modo normale della vita moderna…Tutto questo è iniziato con la società industriale. La nostra mente, infatti, per dirla con Marx, è modellata dai modi e dagli strumenti di produzione. Nel lavoro del contadino, valeva la calma ispirata all’immobilità solenne della natura. E, nel lavoro dell’artigiano, valevano la competenza, la lentezza del gesto, l’originalità dell’oggetto. Invece, nella produzione seriale dell’industria, sono richieste la rapidità dei movimenti e la quantità degli oggetti prodotti. Ecco allora che il mondo moderno è basato, secondo Gerd Achenbach, su due presupposti: il mito della velocità e la tensione verso il futuro. Il mito della velocità. “Vai più veloce!”, grida il capitalista a chi lavora alla catena di montaggio. E non sa che questo principio si trasferisce, inconsapevolmente, dal capnnone industriale alla mentalità comune. “Non perdere tempo!”, ripetono genitori ed educatori. Ma non ci rendiamo conto che abbiamo creato il binomio velocità-insignificanza, finendo per investire tutta la mente sulle cose da fare anziché sul modo di vivere e sul senso delle cose. Per cui, più tempo guadagniamo in velocità e meno ne abbiamo per noi stessi, per la riflessione, gli affetti, le cose che contano.

Se l’artigiano ammirava le sue creazioni, godendo nel riconoscere in esse il proprio ingegno, l’uomo industriale, ridotto a mano senza mente, odia i suoi prodotti e si sente frustrato. Uomo e prodotto, nella società della fretta, si guardano come nemici. La tensione verso il futuro. L’uomo antico viveva rivolto verso il passato. Scrittori e artisti cercavano nella tradizione i loro modelli ispiratori…Ma l’economia industriale ci ha insegnato a passare dalla “contemplazione” al “dominio” del mondo. Ecco, allora, l’atteggiamento tipico dell’uomo d’oggi: il “presentismo” (solo il presente è importante, il passato non ha senso). Ma chi guarda solo al futuro perde il senso di continuità della sua esperienza. Rimane senza radici e senza identità. E si trova disorientato, nevrotizzato, in quanto il passato, essendo già accaduto, è certo, offre sicurezza; mentre il futuro è indefinito, angosciante come una strada diritta che si perde all’orizzonte. Abbiamo bisogno di tornare alla lentezza, alla calma degli antichi, a quella dose di leggerezza e di indifferenza, a quella “euthimia” (la tranquillità dell’anima) che si trova nelle pagine di Seneca, Plutarco, Epitteto, Marco Aurelio. A quel silenzio interiore che favorisce la contemplazione del divino che c’è nelle cose.”

(Da “Educare si deve, educare si può”; in “Evangelizzare”, Roma, novembre 2016, p. 13)

Benevolenza mutua

“L’amicizia non è una virtù. E’ un effetto della virtù. Giunge per incoronare chi ha sostenuto una dura battaglia per un nobile ideale. San Tommaso la definisce: “Una benevolenza mutua non latente”. E’ una benevolenza: in quanto suppone un bene nei due amici. Alla base dell’amicizia sta l’amore amichevole. Mutua: scambievole.

L’amicizia impegna gli amici in reciprocità di amore. Non latente: non vive sotto il moggio. Vuole splendere all’aria libera e infinita, alla luce incandescente del sole. Amicizia nel suo significato più alto e proprio non è da confondersi con l’affabilità, che della prima non ha che la sembianza nelle parole e nei fatti.

Il volto autentico dell’amicizia non è neppure quello dell’amicizia utile e dilettevole, la quale porta all’amore di concupiscenza. E’ pura, semplice, candida, sincera, disinteressata, regale.”

(p. Felice Rossetti)

Un’altra prospettiva

Dire: “Preferirei di no!” esce dallo stato di

sottomissione e passività…per ritrovare

una propria voce di silenzio sottile, e tuttavia

incrollabile.

Il “Preferirei di no!” segna il passaggio dalla

condizione di mansueto e docile, a quella di mite.

E’ il passaggio da una postura statica a una mobile,

un cambio drastico nel modo di guardare sé e

il mondo. Un’ulteriore scoperta dell’arte della

prospettiva.

Il mite diniego ha l’impeto non solo umile, nonpiù

solo mansueto: ha l’impeto che spezza l’ordine

delle cose, che accelera il movimento, anche se

di primo acchito il balzo verso la nuova postura

si presenta come arresto completo delle attività.

Ci sono soste e silenzi che sono una corsa.

E’ sempre

dal loro contrario che capiamo il significato

delle cose e dei moti dell’animo.

(Barbara Spinelli)

essenzialità

La bolla di sapone

bolladisapone

“Oh, guardala! Ascende

pian piano nel cielo.

Il vento la prende,

la tocca…E’ di velo

sottil, trasparente.

bolle di sapone

Si muove leggiera

nell’aria. E’ lucente:

par fatta di cera.

Si dondola, oscilla:

più in alto, più su…

Si ferma, ecco, brilla,

e poi…non c’è più.”

(Maggiorina Castoldi)

bolle di sapone

“Le bolle di sapone sono come le nostre pretese e le nostre fantasie, gonfie d’orgoglio e di caparbia indifferenza. Luccicano per un istante, sembra che volino nell’aria, ma, dopo qualche secondo, si disintegrano e cadono inesorabilmente nella polvere. La vita dell’uomo non può e non deve essere un susseguirsi di bolle di sapone. Ecco perché anche coloro ai quali sembra di aver raggiunto certi livelli sono infelici: l’emozione dura ben poco, anche se la gente applaude; dopo qualche ora tutto è finito. La gente continua il suo cammino, pensa ai fatti propri, il vento porta via ogni emozione e noi ci ritroviamo soli con il nostro vuoto. Il benessere e la ricchezza luccicano, ma subito corrodono, ci rendono come mummie, con lo stomaco pieno e il corpo rivestito di gioielli. Chi vive con la testa nel sacco, chi vaga da un’esperienza all’altra, invecchia senza capire le ragioni profonde dell’esistenza. E pensare che basta così poco per scoprire le ragioni della vita! Se l’uomo non sa guardare in alto, la sua vita sarà sempre così. Una vita consumata e perduta a veder volare le bolle di sapone” (Gabriele Adani)

bolla di sapone gigante

…e venne chiamata due cuori

Il libro che ha affascinato più di 20 milioni di lettori in tutto il mondo

bimbo aborigeno australiano

IL RACCONTO DI UN’AVVENTURA ECCEZIONALE,

UN’OCCASIONE UNICA PER APPRENDERE LA SAGGEZZA DI UNA CULTURA ANTICA

aborigeno australiano

E RACCOGLIERNE L’IRRESISTIBILE MESSAGGIO.

arte aborigena australiana

Saranno parole sconosciute

vocabolario

“Verrà il giorno nel quale i bambini futuri impareranno parole che sarà loro difficile comprendere. Noi purtroppo le abbiamo comprese e vissute.

bambini dell'India

I bambini dell’India

chiederanno:

che cosè la fame?

bambini indiani d'America

I bambini dell’Alabama

chiederanno:

che cos’è la segregazione razziale?

bambini di Hiroshima

I bambini di Hiroscima

chiederanno:

che cos’è la bomba atomica?

bambini del mondo

E tutti i bambini del mondo

chiederanno: che cos’è la guerra?

paternità

E tu sarai colui

che dovrà rispondere

e allora dirai loro:

Questi nomi sono caduti in disuso,

come la diligenza, come le galere,

o la schiavitù.

bambini

Queste parole non hanno

più alcun senso.

Per questo sono state tolte

dal dizionario.”

(Debruyne)

un mondo di pace

Seducente mela,

INGANNO E POTERE

mela(di Franco Cardini)

“La maga bellissima assume le sembianze di un’innoqua vecchietta e porge all’ingenua Biancaneve (pura come la neve, appunto) un goloso frutto da mordere. mela 1

Quella vecchia incarna la natura femminile stravolta dal peccato. E’ l’Eterno Femminino orribile in quanto traduzione estetica del Male assoluto. E’ la peccatrice incanutita nel vizio e sterile, che odia la verginità purissima e pronta a divenire maternità. E’ l’orrida seduttrice, la Lilith archetipo della strega. seduzione 3

La fiaba Biancaneve dei fratelli Grimm sfrutta appieno un’immagine archetipa di seduzione che rinvia al racconto della Bibbia (Genesi 1, 16-17; 3, 1-7). Nel testo biblico non si parla di una mela, bensì genericamente del fructus de ligno scientiae boni et mali. D’altronde, il nome latino corrente per il frutto del melo era non pomum (che indica un frutto in senso generico) bensì malum (che si usava consumare alla fine dei pasti). La semiomofonia tra la parola malus (che indica l’albero delle mele) e i termini mel (“il miele”) e malum (“il male”) costituiva già nell’antichità motivo di giochi di parole e di doppi sensi, rafforzati dalla vicinanza fonetica con i termini greci melas (indicante il color nero ma anche il mistero, il segreto, l’oscurità spirituale), mèlitos (“il miele”) e melos (“il canto”). adamo ed eva

Dal groviglio lessicale greco-latino emerse, in area cristiana, un’immagine destinata a durare: il frutto dell’albero della scienza del bene e del male come immagine di seduzione anche sessuale. Dalla volgarizzazione del racconto biblico sono nate immagini tenaci: come quella che spiega il peccato originale come un peccato carnale, o quella che vede nel verme un simbolo che rinvia al serpente. The_Garden_of_the_Hesperides

La mitologia greca andò a dare man forte: creazione di Dioniso in onore di Afrodite, la mela era presso gli elleni un simbolo erotico e un augurio di fertilità; la dea della discordia aveva lanciato una mela aurea in mezzo alle dee riunite, e dal giudizio affidato a Paride su chi fosse la più bella era nata la guerra di Troia. Ancora alberi di mele si trovano nel ciclo ellenico che allude al viaggio verso Occidente come itinerario verso un Altro Mondo: Eracle lo intraprende per saccheggiare il giardino delle Esperidi, e in effetti presso i celti la mela era il simbolo della conoscenza dei segreti divini.

giardino delle Esperidi

Altro significato della mela è il potere sul mondo, raffigurato come una sfera: il globo regale è appunto in tedesco Reich-sapfel, (“mela dell’Impero”). Nella tradizione turcomongola, la mela è simbolo di potere universale: Alma Ata (“Padre Mela”) è l’ex capitale del Kazakistan,Alma Ata

mentre nei miti turchi ricorre l’immagine della “mela rossa” (o d’oro) come metafora della ricca città da conquistare: Costantinopoli, Vienna o addirittura Roma.” mela d'oro

Riflessione personale:

FRANCO CARDINI ha spiegato magistralmete il SIMBOLO che, la mela, ha assunto nel tempo.  Forse  “INGANNO E POTERE”…SEDUZIONE,  ancor oggi, si nasconde in succulente ed invitanti MELE??? IMU

tentazione 3potere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: