Su e Zo per i Ponti

MARATONA 2016 A VENEZIA

Su e Zo per i Ponti 2016: il grande giorno!

Premio per le Scuole

 Come Gruppo più numeroso arrivato al Traguardo,

la Scuola dei Nipotini ha vinto…

COPPA E SUSSIDI!

Anche quest’anno, in 350,

hanno percorso 11 Km e attraversato 48 Ponti!

Partenza e arrivo in PIAZZA SAN MARCO,  Salotto buono della città.

BRAVISSIMI RAGAZZI, COMPLIMENTI!

 

 

Una candela blù

 PER LA CONSAPEVOLEZZA DELL’AUTISMO

Spasiano_Giada_20150401_185313[1]

https://milesweetdiary.wordpress.com/2016/03/29/2-aprile-giornata-mondiale-dedicata-allautismo-secondo-me/

“Non siamo solo partoriti.

Ogni gesto d’amore

ci rimette al mondo.”

(Paola Nepi)

candele blu

 

Un caro pensiero all’amica CAMILLA,

mamma di FRANCESCO E STEFANO,

splendide creature che ho amato.

Giornata Mondiale sull’autismo

Approfondimento giornata mondiale della consapevolezza dell autismo

 

http://accantoalcaminoblog.org/

Grazie Libera per le bellissime foto che mi hai prestato!

Giornata Internazionale dei Migranti

(da WIKIPEDIA)

Secondo i dati dell’UNHCR (aggiornati al 29 agosto 2015), i rifugiati siriani espatriati sarebbero 4.088.078 (quasi quanto la popolazione dell’intera Irlanda), molti dei quali all’interno di Libano e Turchia. A questi si aggiungono inoltre circa 7,8 milioni di siriani sfollati all’interno del paese.[84][8

“Vivere disposto al volo, sempre, a qualsiasi partenza” (Mario Zambrano)

“La speranza è un rischio da correre.

E’ addirittura il rischio dei rischi.” (Georges Bernanos)

La bambina pugile

Cari amiche e amici… BENTROVATI!

Ritorno emozionata a “ci vuole un fiore” 

per presentarvi

una delicata raccolta di Poesie,

che ho avuto la fortuna di ascoltare in una limpida

mattina di luglio…aspettando l’alba.

aspettando l'alba

La bambina pugile

Presentazione del Libro della Maestra CHANDRA LIVIA CANDIANI

“Alle amiche e agli amici, al mio Maestro che ha 2557 anni, a chi amo, a chi mi ama, ai monaci della foresta, agli indifferenti e agli spaventati dell’amore e dell’amicizia, ai vivi, ai morti, ai mai nati, ai sopravvissuti, a tutti gli oggetti del lavoro umano, tavoli, sedie e letti, e pane e vino, e orti, e a tutti i cari, furiosi o delicati, animali, quelli che hanno vissuto con me e quelli appena intravisti, quelli che mi hanno azzannato e graffiato e quelli che mi hanno accarezzato e fatto “muso-muso”, quelli che ho mangiato, quelli che lavorano, agli alberi vecchi e giovani, solitari e socievoli, al fondo del mare, alle onde una ad una, ai granelli di sabbia, alle nuvole, alle montagne, ai sassi, alle conchiglie, ai fiumi, alla terra terra, ai temporali, alla grandine, alle pozzanghere, all’erba, al ghiaccio, ai tuoni, ai fiori, alle mani e a tutto il corpo, al vento, ai vulcani, ai laghi, alla nebbia, agli abbracci e alle parole, ai deserti, alle steppe, ai frutti e alle verdure, alle foreste, ai fulmini, a tutte le facce del sole, agli astri, al cielo che arriva fino a terra, alla pioggia, alla prediletta neve, alla luna di cui porto il nome, alla notte, alla luce, all’universo che non finisce, alla voce del silenzio, al senza nome, alla divina compagnia, grazie e grazie.”

“….l’universo non ha centro…

ma ali e braccia che si allargano,

nello spazio…

“di amicizia…e di parole”

tra me e te!”

Nives