Le nuvole

Nuvole

 

 

HERMANN HESSE

“Mi si mostri, in tutto il mondo, un uomo che conosca e che ami le nuvole meglio di me! O mi si mostri una cosa al mondo più bella delle nuvole! Esse sono trastullo e conforto per gli occhi, sono grazia e dono divino, sono ira e potenza mortale. Sono tenere, delicate e mansuete come anime di neonati, sono belle, ricche e generose come angeli benefici.

                                                                                   

 

Nuvole

Nuvola rosa

 

 

Hanno forme di isole beate e le forme di angeli benedicenti, somigliano a mani minacciose, a vele palpitanti, a cicogne migranti. Si librano tra il cielo divino e la povera Terra come belle metafore di ogni nostalgia umana, appartenendo ad entrambi, sogni della Terra, nei quali essa stringe la sua anima contaminata al cielo puro.

 

 

 

 

Dono l’eterno simbolo di ogni peregrinazione, di ogni ricerca, esigenza e desiderio di patria. E così, come esse stanno sospese tra Terra e cielo, timide, nostalgiche e spavalde, allo stesso modo sono sospese tra tempo ed eternità, timide nostalgiche e spavalde, le anime degli uomini.”

 

 

Nuvole

 

 

Tracce:

Le Foto appartengono alla Galleria Personale.

Festa dei macigni rotolati

 PASQUA

sepolcro vuoto

“Vorrei che potessimo liberarci

Dai macigni che ci opprimono, ogni giorno:

Pasqua è la festa dei macigni rotolati.

E’ la festa del terremoto.

La mattina di Pasqua le donne, giunte nell’orto,

videro il macigno rimosso dal sepolcro.

Una pietra enorme messa all’imboccatura

dell’anima

che non lascia filtrare l’ossigeno,

che opprime in una morsa di gelo;

che blocca ogni lama di luce,

che impedisce la comunicazione con l’altro.

Gesù e Maria di Magdala

E’ il macigno della solitudine,

della miseria, della malattia, dell’odio,

della disperazione del peccato.

Siamo tombe alienate:

Ognuno con il suo sigillo di morte.

sepolcro vuoto

Pasqua allora, sia per tutti il rotolare del macigno,

la fine degli incubi, l’inizio della luce,

la primavera di rapporti nuovi e se ognuno di noi,

uscito dal suo sepolcro, si adopererà

per rimuovere il macigno del sepolcro accanto,

si ripeterà finalmente il miracolo

che contrassegnò la resurrezione di Cristo.”

(Don Tonino Bello)

Gesù Risorto

AUGURI DI BUONA PASQUA!

Anni azzurri

La nuova casa di zia Genoveffa è una Residenza per Anziani non più sufficienti.

Sembra un albergo turistico…ed è di colore azzurro!

E’ una casa accogliente, calda, famigliare…

La zia condivide la stanza da letto con Ida: gentile ed educata signorina novantenne.

La nuova famiglia è composta da circa 4o persone, più o meno nelle condizioni di zia.

Di giorno vengono sistemate in un grande soggiorno, al secondo piano della Struttura.

Qui mangiano, guardano la TV, chiacchierano, ricevono visite, ascoltano Messa, oppure musica..

assistono a Concerti in diretta, fanno ginnastica….

Purtroppo, mente e cuore è altrove…e lo sguardo è assente

che si perde oltre la porta.

Fortunato è chi incontra il volto amato!

 Allora, come per magia, s’accende… il cuore e occhi e sorriso!

anziana felice