Posts Tagged ‘tristezza’

Goccia d’acqua (metafora)

Goccia d’acqua…o…l’acqua della goccia?

(Raimon Panikkar)

Una Gran Fiamma

Fiamma di Tristezza…

 e Nostalgia della Casetta…e dell’Amore della Mamma…

amore

Cara zia Genoveffa, nel Primo anniversario della Tua rovinosa caduta…

…quanto vorrei poterti augurare ogni cosa che desideri!

L’autonomia, la salute, la casetta, gli affetti….la mamma!

                             E  morire a casa…come dici che è normale che sia!                                

Dici pure che non Ti servirebbe altro, ed io…davvero non so contraddirTi!

In fondo hai solo bisogno d’un letto…e d’essere idratata, nutrita, lavata, vestita…amata!

E’  trascorso ormai quest’anno …

di interventi chirurgici, vere e proprie prove di “sopravvivenza”… di ospedali e case di riposo…

ma Tu non sei ancora stanca, e malinconicamente  continui a sperare e sognare…

la guarigione, l’amore….la casetta!

Eppure lo sai che sono sogni impossibili!…Però, guardandomi negli occhi…sottovoce ripeti che solamente…”TI PIACEREBBE”…

ritornare ad una vita dignitosa e normale!

Ti ricordi zia, erano gli anni ‘5o ….quando mi cullavi e facevi il bagnetto, cantando i famosi “stornelli” di Claudio Villa, di Nilla Pizzi, ecc?… Avevi 20 anni e somigliavi moltissimo a Rita Hayworth, ed eri innamorata del Dottore del Paese!

Rita Hayworth

Mamma invece somigliava ad Ava Gardner.

Ava Gardner

Eravate bellissime…come lo erano zia Wanda, zia Norma, zia Giselda, zia Germinia:

che somigliavano a Grace Kelly, Elizabeth Taylor, Farah Diba…

Grace Kelly

tutte sorelle vicinissime d’età.. straripanti di entusiasmi, generosità, sentimenti ed emozioni!

Fierezza e orgoglio della nonna, impegnatissima invece, a curare le ferite della guerra…sopratutto dei figli maschi:  Armido, Pietro, Giuseppe… tornati sfigurati dai Campi di Concentramento della Guerra appena passata.

1502737_1500002_poggianiviniciow

(Era un’esperta la Nonna in queste cose! Aveva già ottenuto risultati sorprendenti con suo marito, il nonno, tornato salvo ma sfinito, dalla PRIMA… di Guerra Mondiale!!!)

Cara zia Genoveffa, come capisco la nostalgia che provi per la tua Mamma! Devo dire che è stata MAMMA anche per me… tanto che ne avevo fatto il mio “modello” di vita! Nonna Giuseppina era una gran Donna! Silenziosa, invisibile ma…Presente, sempre Presente…accanto a chiunque fosse nel bisogno!

Ora sono certa che è qui, accanto a Te e a me…che ci sorride dolcemente ma seriamente…

per dirci di non temere la morte, perché LEI ci verrà incontro e ci riabbraccerà!

Lo so zia perché non Ti lasci andare…perché continui a lottare in modo quasi disumano!

“Tu tieni duro per evitare a noi nuovo dolore…e nuovo lutto!

Oh, tenera zietta…quanto bene Ti voglio! Quanto bene ci vogliamo!

Questo solo conta! Questo solo è “CASA”!

Grazie ZIA GENOVEFFA, per le cose belle che mi hai insegnato.

Grazie per LA GRAN FIAMMA che hai acceso nel mio cuore

…che sempre scalda e colora di bellezza e sentimento

ogni istante  importante della mia vita.

Grazie ANGELO GENOVEFFA….per avermi onorata con la tua affettuosa Presenza!

(Tua nipote Rita)

fiamma

Filastrocca

FILASTROCCA NEL CESTELLO…

filastrocca del cestello

…quel ch’è buono quel ch’è bello!

Buono è il latte zuccherato

latte zuccherato

e il miele profumato

miele profumato

Le albicocche e le susine

cestello di frutta

Le ciliegie porporine

ciliegie porporine

Fresche fragole e lamponi

fresche fragole e lamponi

Tanti frutti tutti buoni

frutta

Per la gioia dei bambini

stupore e meraviglia

anche due cioccolatini.”

cioccolatini-tea-time

BUON APPETITO!!!

DA ZIA GENOVEFFA

La ciliegia di Marostica

Il ciliegio della casa paterna, ogni anno a giugno, ci regalava qualcosa di spettacolarmente dolce, rosso, croccante, abbondante….persino poetico. Erano le ciliegie dette “marosticane”!  Quel maestoso albero che ci invitava a festeggiare la fine della scuola e l’inizio delle vacanze estive, mi ha regalato momenti di grande serenità e benessere, lasciandomi nel cuore una grande nostagia.

Per questo, nei primi giorni di giugno, ci rechiamo alla vicina città di Marostica e di Mason Vicentino, dove si svolge la Festa dei Duroni.

La giornata di ieri, 9 giugno 2013, non la dimenticherò mai, tanto mi ha sconvolto.

Dopo aver pranzato al fresco di una pergola e visitato la città di Thiene, abbiamo percorso la via dei Colli Euganei, detta “Nuova Gasparona” , tradizionalmente allestita da colorate bancherelle di privati produttori di ciliegie, che tentano di vendere le loro rosse primizie, ricavandone qualche piccola soddisfazione.

IERI pomeriggio, un’improvvisa tempesta ci ha obbligati a fermarci sul ciglio della famosa strada, resa impraticabile. Improvisamente, una quantità inaudita di piccoli chicci di ghiaccio copriva tutto,  sfasciato tende e bancherelle. I pochi contadini coraggiosi…accompagnati da mogli, figli, parenti… incuranti di tutto, cercavano di salvare il loro prezioso lavoro.

Lungo la via dei dolcissimi Colli, eravamo senza parole! I vigneti, i frutteti, il grano, le aiuole di fiori, i verdissimi prati, le auto….la gente….TUTTA MARTORIATA DAL TEMPO IMPIETOSO!

Pensando alla crisi economica, al coraggio di tanti veneti che cercano di resistere in tutti i modi possibili….pensando a tutta quella grazia rovinata…siamo tornati con tanta desolazione nel cuore!

ciliegie di Marostica

San Martino di Castrozza

TRENTINO

Questa Città incastonata nel cuore delle DOLOMITI, è un’autentico gioiello, una perla delle più belle.

In questi giorni sembra abbandonata a se stessa. Le case, gli alberghi, i negozi sono tutti chiusi, sporchi, fatiscenti.

Solamente un bar e un giornalaio che vende anche il pane, aprono il negozio per qualche ora, per la gente di passaggio.

Eppure le rondini sfiorano l’acqua allegra del torrente che attraversa la città.

Le nevi si sono ritirate e il cane San Bernardo si gode piacevolmente il tepore del sole di mezzogiorno.

I bucaneve trapuntano i prati quasi “bevendo” l’ultima neve.

bucaneve

Che bello sarebbe abitare qui e godere sempre tanta bellezza!

Purtroppo la città vive solo di Turismo e per pochi mesi all’anno.

Che tristezza infinita guardarla che inutilmente dorme!…

Resa ignara, purtroppo, della VITA che  rinasce beata!

Resa tanto preziosa e proibita alla gente comune che ne ignora l’esistenza.

rondini

Chissà se con la crisi economica  degli uomini di questi tempi…

le sarà consentita almeno la gioia della calda estate e del ghiacciato inverno!

Giselle

PRIMAVERA DELL’AMORE

chi è Gesù?

E’ questo un volantino di invito, consegnato a mano dai Testimoni di Geova,   durante la Settimana Santa celebrata dai fedeli cattolici.

Non ho partecipato a questo incontro di “scuola di pensiero”….comunque ho accettato la provocazione e mi sono personalmente interrogata, sulla Persona di Gesù e sulla relazione che ho con Lui. Non sull’immagine, convinzione, pensiero, o storia di un Uomo Misterioso, vissuto tanto tempo fa,….. ma su Colui che vive, mi ascolta e consola, tutti i giorni della mia vita.

Confesso che non ho un sereno rapporto con i “Capi” o “Maetri” della Congregazione dei Testimoni di Geova, sopratutto in questo periodo di dolore,  per la sofferenza e la perdita del caro cugino Graziano….(di fede agnostica).

La sorella di Graziano invece, è una fervente sostenitrice e una brillante studiosa…..che segue alla lettera ogni indicazione proclamata, per non sentirsi…..(addiritura)… un’IMPURA!

Per questo ha scelto per suo fratello, il funerale Geoviano. Ossia, l’accompagnamento della salma  dall’obitorio al cimitero, e la semplice lettura e sermone da parte di un loro “Maestro”, di un passo della loro Bibbia.

Pure per la mamma (credente-praticante della fede cattolica), aveva scelto il funerale Geoviano! Ossia.. la più pura e vera risposta di fede, ai comandamenti di Geova.

Mia cugina Lilli, vive nella tristezza, nella paura, nell’ansia dell’attesa dell’Apocalisse……non festeggia niente: né compleanni, anniversari, Natale o Pasqua o carnevale o ferie….Si è affidata ai “fratelli”, in caso di ricovero ospedaliero, bisogno di sangue, lettura del testamento delle sue volontà, dopo la  morte. Mia cugina attende la resurrezione dei corpi, quì sulla Terra, come “schiavi felici” di un potente Re.

Con lei non è possibile  un sereno dialogo, una comunicazione, un reciproco rispetto di un leggittimo pensiero. La “predicazione” è un suo dovere…per salvare il più possibile persone dannate, e in balìa dell’Angelo del Male.

Cosa ne pensate Voi, cari Amici, di questa Congregazione e di questa “Fede” dei Testimoni di Geova?

Ho bisogno di qualche consiglio….per il bene di mia cugina Lilli, rimasta sola e depressa…

Che si allontana dai parenti di altre confessioni, sempre di più. ….dicendo che anche Gesù, quand’era in vita, ha fatto così!

Purtroppo, il suo cuore è colmo di tristezza….non conosce la  gioia del cuore di San Francesco…..e non se ne accorge!!!!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: