Posts Tagged ‘uomo’

In piedi signori!

Omaggio

a

SARA DI PIETRANTONIO,

barbaramente uccisa a Roma dal suo ex-fidanzato, nella notte tra sabato 28 e domenica 29 maggio 2016.

Risultati immagini per rosa rossa

Possedere il Tempo

monfumo

“Le meridiane tracciate in bellavista sulle pareti esterne dei monasteri, esposte a Sud, in eleganti linee pittoriche e architettoniche, indicavano al monaco, fino ad un certo recente passato, l’ora precisa del giorno e l’inarrestabile corsa del tempo. Sul quadrante veniva inciso un motto latino a perenne severo monito del religioso: “fugge il tempo” (fugit irreparabile tempus), “vola il tempo senza sosta” (ruit hora sine mora).

ala10

Proprio così, scorre rapidamente il tempo come il fiume verso la foce. Tutto nel mondo interiore dell’uomo e intorno all’uomo passa inesorabilmente; tutto gli sfugge senza che possa trattenere qualcosa; tutto è un fluire e uno scorrere a ritmi vertiginosi.

meridiana

L’esperienza quotidiana conferma che ogni realtà che entra nel tempo è soggetta alla triplice legge del logorìo, dell’oblìo e della fine. Ogni realtà creata non può essere trattenuta gelosamente, perché scivola come l’acqua tra le dita e presto non si ha più nulla. Ogni cosa sfugge all’uomo con una fuga incessante: “come gli uccelli che volano verso terre lontane, come venti che passano per la nostra regione, come le navi che solcano i mari, come le nubi portate via dal vento, come il fumo che si dilegua, come l’ombra che fugge.” (I.Larranaga).

meridiana

La sapienza biblica non perde occasione per mettere l’uomo di fronte al suo senso del limite, della finitudine, della relatività di ogni cosa che lo coinvolge e della condizione effimera della sua esistenza. La vita dell’uomo sulla terra è “ebel”, afferma il biblico Qoelet, cioè “è fumo, ombra, soffio, nebbia leggera, vapore, vanità…” è qualcosa di evanescente, di impalpabile; è come alito inafferrabile.

Meridiana_d'epoca_romana_-_Cerreto_Sannita

   “Come ombra è l’uomo che passa”; dichiara amaramente Giobbe, “la mia esistenza davanti a te è nulla” (Gb 14,18); “come fiore che spunta e avvizzisce, fugge come ombra” (Gb 14,2); “sì, sono un soffio i figli di Adamo”, aggiunge il salmista, “insieme sulla bilancia sono meno di un soffio” (Sal.61,10)

Meridiana

Nella dinamica della salvezza, l’oggi ha un enorme valore teologico-spirituale e si esplicita in una triplice articolazione ben distinta l’una dall’altra: si ha il “krònos”, che è il tempo cronologico, scandito dall’orologio; è il tempo misurabile, avvertito nell’avvicendarsi delle stagioni. Vi è poi il “kairòs” che evidenzia il contenuto del tempo, ciò che l’uomo è capace di realizzare; è il tempo propizio, è l’occasione da non perdere, è l’opportunità felice delle grandi scelte e delle definitive risoluzioni della vita. Vi è infine “l’aion” o “eone” ed è il tempo senza tempo, l’oggi senza vespro, cioè l’eternità…

grangesises-meridiane

Così, l’aforisma oraziano del tempo, “carpe diem” (tratto dalle Odi del poeta latino 1,11,8), non suona come un distorto invito al godimento effimero, ma acquista la giusta interpretazione propria del contesto cristiano e assume connotazione di un saggio e urgente imperativo: approfitta del tempo che hai a disposizione, cogli l’occasione che ti viene offerta, vivi intensamente il presente.

180px-GiorcesCnido5

L’oggi diventa la sede della rivelazione e delle segrete ispirazioni divine, il luogo della personale realizzazione, lo spazio acustico dell’ascolto. In definitiva, il poeta latino rivolge un pressante invito a possedere il tempo, senza esserne posseduti. ” (Ubaldo Terrinoni)

L'Arte1

Come un Giardino

 

 

“Un proverbio tunisino afferma che la differenza

tra il deserto e il giardino

non è nell’acqua,

ma nell’uomo.”

“Come un giardino la nostra vita

ha bisogno di cura e attenzione,

di piccoli gesti che portino bellezza e disciplina,

ha bisogno di promesse e semi di tenerezza.”

(Luigi Verdi)

L’essere uomo

passione di Gesù

“Padre celeste!

Ciò che in compagnia degli uomini,

specialmente nel brusio della folla,

tanto difficilmente si riesce a sapere:

l'essere uomo

Ciò che altrove si è riusciti comunque a sapere

e si dimentica poi così facilmente

per il chiasso della folla

cioè l’essere uomo

umanità

e il significato religioso

che quest’esigenza comporta:

nonno e nipote

fà che ci sia dato di saperlo,

e se l’abbiamo dimenticato

mughetti

che torniamo ad impararlo

dal giglio e dall’uccello.”

simbolo cristiano

(Soren Kierkegaard)

Rivelazione

“La Natura è rivelazione di Dio,

l’Arte una rivelazione umana.”

(Henry Wadsworth Longfellow)

Granitica ed eterea

Timidamente  avanziamo nell’incomprensibile, nell’incredibile….nella meraviglia!

rocce di granito emerse in superficie

Lo stupore degli occhi, della mente e del cuore…è in tumulto!

massi giganti di granito

In punta di piedi…la Ragione incontra le nudità, le profondità, l’invisibile agli occhi…

rocce australiane

…incontra il Mistero dell’Universo, della Vita, dell’Uomo, della Terra…

massi enormi di granitoLa granitica Roccia….. sospinta e modellata da  Forze che pulsano, attraggono, rinnovano…relativizzano.

rocce sospese

I nostri occhi vedono realtà…. che sembrano nuvole sospese…

massi di granitoVedono enormi ed artistici massi di granito, corrosi e modellati dal tempo e dagli elementi…

Anfiteatro naturale….come sospesi nell’aria, nello spazio….

arte della natura

Arte naturale

scultura di granito

La nostra Sclerocardia, il nostro Cuore indurito dalla granitica Logica……..

masso di granito

ormai….ebbra di gioia, dolore, mare ed eucalipto…

rocce sospinte

…. si lascia sospingere nell’Irrazionale, nell’Indimenticabile…

Aurora australiana

…in una Luce calda, piena, eterea…come Luce d’Aurora d’Australia.

Sguardo sul mondo

“LETTERA A UN FIGLIO”

Se  puoi vedere distrutto il lavoro di tutta la tua vita – e senza dire una parola, ricominciare; – se puoi perdere in un colpo solo i guadagni di cento partite, – senza un gesto e senza un sospiro di rammarico; – se puoi essere un amante perfetto, senza che l’amore ti renda pazzo; – se puoi essere forte, senza cessare di essere tenero; – e, sentendoti odiato, non odiare, – pure lottando e difendendoti.

Se tu sai meditare, osservare, conoscere, – senza essere uno scettico e un demolitore; – sognare, senza che il sogno diventi il tuo padrone; – pensare, senza essere soltanto un pensatore; – se puoi essere duro, senza sentire collera. Se puoi essere sempre coraggioso e mai imprudente; – se tu sai essere buono e saggio, – senza diventare né moralista né pedante.

Se puoi incontrare il Trionfo e la Disfatta, – ricevere i due mentitori con fronte uguale; – se puoi conservare il tuo coraggio e il tuo sangue freddo, – quando tutti lo perdono. Allora i Re, gli Dei, la Fortuna e la Vittoria – saranno per sempre tuoi sommessi schiavi; – e, ciò che vale meglio dei Re e della Gloria, – Tu sarai un uomo.” (Rudyard Kipling)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: