la sofferenza…

luce del mattino
palpiti di vita

….esperienza dell’esodo!

“Nella nostra comunità ci sono delle suore straordinarie:

una ha novantadue anni ed è cieca e sorda.

Ma guardare questa suora significa guardare un bel viso,

un viso che fa intravedere una grande pace,

una grande felicità,

un grande amore.

E quando le urlo in un orecchio: “Suor Alfhonsine, come va?

Sono suor Emmanuelle e vi do un buon giorno”,

lei risponde con un sorriso:

“Non è mai andata così bene, suor Emmanuelle”.”

(Suor Emmanuelle)

che domani...
pianterei..oggi stesso...